Scovata l’Audi Q8, da mesi utilizzata per rapinare bancomat e centri commerciali: 33enne nei guai

L'Audi Q8 trovata nei garage di un condominio

Il Suv, usato per diversi colpi anche nelle Marche, è stato ritrovato in un garage di un condominio a Roma

Nella scorsa notte i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, dopo tre mesi di serrate ricerche e di pedinamenti elettronici, sono riusciti a recuperare la prestigiosa Audi Q8 full optional, motore V8 4000 cc a benzina Lamborghini 600 cavalli del valore di circa 200.000 euro, asportata nella notte tra il 20 e il 21 agosto dalla concessionaria Audi Domina di Ancona.

Alla fine di agosto, i malviventi, dopo essersi introdotti all’interno dell’autosalone, utilizzando l’elevatore per veicoli, erano riusciti a portare al piano terreno il prezioso SUV che si trovava esposto al piano superiore del salone. Approfittando delle elevate prestazioni, il veicolo era stato utilizzato per mettere a segno grossi furti e spaccate presso sportelli bancomat e centri commerciali.

I Poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, coordinati dalla Procura della Repubblica di Ancona, hanno ricostruito ogni spostamento avvalendosi di sofisticati apparecchiature elettroniche messe a disposizione dal Servizio Centrale della Polizia Scientifica di Roma in collaborazione con il Servizio Centrale Operativo e il Commissariato di Pubblica Sicurezza Capitolino di Fidene Serpentara. Al culmine dell’attività investigativa, sono così riusciti a risalire ad un grosso condominio della periferia romana, con oltre 120 condomini e altrettanti box garage.

Gli agenti hanno rinvenuto l’auto parcheggiata in uno dei garage sotterranei dell’immobile. L’auto veniva di volta in volta utilizzata in ore notturne per assalti a bancomat e a centri commerciali. Ultimo, un centro commerciale della capitale dove i malviventi, dopo averne frantumato le vetrine, hanno rubato numerosi smartphone e costosi profumi. Le indagini hanno permesso di individuare l’utilizzatore, un romano di 33 anni deferito alla Procura della Repubblica capitolina per il reato di ricettazione.

Il potente SUV con appena 2000 chilometri percorsi, presentava nella carrozzeria e nel bagagliaio vistosi sfregi e segni di usura, nonché la presenza di numerosi attrezzi pesanti atti allo scasso, comprovante le risultanze investigative sull’utilizzo del veicolo per attività delittuose. All’esito delle attività di polizia giudiziaria, il veicolo veniva posto sotto sequestro ed affidato in giudiziale custodia ad un centro autorizzato di Roma in attesa di essere restituito alla concessionaria dorica.