Sconti ai parenti: nei guai trenta dipendenti di Ikea

Una trentina di dipendenti dell’Ikea hanno ricevuto negli ultimi giorni una lettera di avvio di un procedimento disciplinare per colpa grave e sono stati sospesi dal servizio.

Avrebbero fatto sparire della merce o l’avrebbero fatta uscire dal punto vendita dopo aver sostituito il cartellino con il codice a barre di un altro proddo a un prezzo più vantaggioso. Questo stratagemma ha funzionato per mesi e mesi. Negli ultimi tre giorni però, i trenta sospettati dipendenti dell’Ikea di Corsico (Milano) si sono visti consegnare una lettera di avvio di un procedimento disciplinare per colpa grave. Dipendenti che sono stati immediatamente sospesi dal servizio e subito allontanati dallo store. 

La vicenda è al centro anche di un’inchiesta avviata (ma non ancora conclusa) dalla Procura di Milano dopo la denuncia dei responsabili di Ikea Italia per truffa, furto e ricettazione. “Un’indagine interna – spiega Ikea in una nota – ha svelato il grave comportamento di alcuni co-worker dello store di Corsico volto a danneggiare le risorse aziendali. Ikea sta prendendo i provvedimenti necessari per proteggere i propri co-worker e il proprio brand”. 

Alessandro Molinari
Author: Alessandro Molinari

Sono un amministratore

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS