Scheggia e soci, l’ultimo Sos per salvare la Fermana: “Aiutateci per dare continuità, non vogliamo fare salti nel buio”


SERIE C – L’amministratore del club si gioca ancora una carta per evitare di farsi affiancare da gente non autoctona. Tra stasera e domani la decisione, servono appoggi dal territorio per tenere duro

La Fermana deve decidere cosa ne sarà del suo futuro e deve prendere una decisione in pochissime ore. Vendere o non vendere? Ci sarebbero due manifestazioni di interesse sul tavolo dell’amministratore Vinicio Scheggia. Una dell’imprenditore edile casertano Nicola Di Matteo con cui si sta già parlando di cifre, l’altra – al momento più aleatoria – da parte di una cordata romana che non avrebbe ancora dato alcuna garanzia. Niente di così convincente,, nulla di così solido.

Forestieri all’assalto del club canarino, preso per il collo al 18 di luglio. Stasera la riunione dei soci, domani la scelta definitiva. Le intenzioni della Fermana attuale, però, sono chiare. I soci preferirebbero non piegarsi allo “straniero”, ma c’è bisogno di una svolta in tempi rapidissimi. Gli appelli di questi mesi non hanno trovato ascolto, ma adesso Vinicio Scheggia in rappresentanza dei sui colleghi d’assemblea tenta l’ultimissima carta per salvare il salvabile. Ha distrutto il silenzio stampa che lui stesso aveva imposto al club per un ultimo appello accorato a tutto il territorio, agli imprenditori di Fermo e provincia, alle banche e gli istituti di credito, ai tifosi.


Vorremmo che la Fermana continui ad essere governata e gestita da gente del posto, gente seria ed appassionata di questi colori – ha detto ai nostri microfoni l’imprenditore di Montegranaro – Necessitiamo però che tutti facciano uno sforzo, noi da soli non riusciamo più ad andare avanti. Abbiamo bisogno di essere affiancati e supportati. Amministrazione comunale, industriali, banche, fans. Dobbiamo proteggere un bene chiamato Fermana, una realtà professionistica che dà lustro a tutta la provincia e non solo. Spero che stavolta il nostro Sos non cada nel vuoto. Gli acquirenti ci pressano, non possiamo andar più lunghi di domani”.

Scheggia, capostipite della società, tradisce una certa emozione e il sentimento è autentico in un momento delicato. Stasera, come già accennato, l’ultima riunione dei soci. Servono rassicurazioni prima di subito. Scheggia poi rilancia. “Rifiutando le offerte dei compratori e andando avanti con il supporto della città avremo poi un altro anno di tempo per approfondire altri contatti con gente che abbiamo già conosciuto e che potrebbe subentrare tra qualche mese. Aiutateci a progettare insieme la Fermana del futuro”.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS