“Scende il prezzo della benzina ma non aumentano i clienti”

Decreto e sconti, ma non basta: “Noi gestori le accise le paghiamo”

Scende il prezzo dei carburanti, ma non aumentano i clienti nelle stazioni di servizio. Questo è quanto sta accadendo lungo il litorale elpidiense, dove nonostante il decreto dello stato e lo sconto di venticinque centesimi sui prezzi di benzina e diesel, non sembra aver portato miglioramenti sostanziali ai gestori dei rifornimenti di benzina. “C’è molta confusione su questo decreto, anche perché le accise sono state tolte ai consumatori, ma noi gestori continuiamo a pagarle. Inoltre bisogna chiarire che il provvedimento che durerà un mese, non fissa i prezzi, ma obbliga i distributori ad uno sconto fisso sui prezzi di mercato”.

A spiegarlo è Paolo Silenzi, gestore del rifornimento I.P di Porto Sant’Elpidio, lungo la strada statale adriatica. “Ieri ci è stato imposto di abbassare i prezzi, ma non ci è stata data una programmazione. Ora per un mese sarà così, poi? Qui stiamo vivendo alla giornata e tutto questo senza che ci sia, in maniera logica, una spiegazione alla speculazione delle ultime settimane – prosegue Silenzi – Il costo del carburante è sempre andato di pari passo col costo del ‘barile’, allora se quest’ultimo è sceso, perché il carburante invece continua a costare a noi distributori e ai clienti così tanto? In questo momento stiamo subendo perdite continue. Per una realtà come la nostra che al servizio di erogazione collega anche quello di un punto caffetteria e di un autolavaggio, oggi, stare aperti significa chiudere con una perdita giornaliera tra i centocinquanta e duecento euro. Soldi che non solo non guadagniamo, ma stiamo anche rimettendo. Abbiamo avuto tra self-service e lavoro classico, una perdita di fatturato stimata del 50% in queste due/tre settimane”.

Niente corsa alle pompe per rifornirsi quindi, il perché secondo Silenzi è molto semplice: “C’è un problema economico generale, oggi l’auto è un bene di ‘lusso’, così durante il weekend chi può esce a piedi e frequenta la propria zona. Nessuno oggi si mette in marcia e si gode qualche giorno fuori, quelli che mancano a noi sono proprio gli introiti del fine settimana. Chi esce a fare benzina è perché ci va a lavoro, altrimenti resta a casa“. Un trend confermato anche dagli operatori dell’Eni di Porto Sant’Elpidio: “E’ tutto fermo – dicono allargando le braccia – lo sconto non ha cambiato nulla”.

Matteo Rossi
Author: Matteo Rossi

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS