Scarichi industriali abusivi in mare: sequestri e sanzioni per 40mila euro

I controlli nella zona Bellocchi

La Guardia Costiera, sotto lo stretto coordinamento della Procura della Repubblica di Pesaro, ha concluso un’articolata attività di polizia ambientale finalizzata alla tutela del mare e del litorale pesarese mediante la ricerca di scarichi abusivi confluenti in mare e la prevenzione di illeciti in materia di rifiuti.
Le indagini, svolte in un arco temporale di circa sei mesi, si sono concentrate nelle zone costiere di competenza del Compartimento Marittimo di Pesaro e hanno fatto emergere l’esistenza di diversi stabilimenti industriali che operavano in maniera non conforme rispetto alle relative autorizzazioni ambientali rilasciate.

L’attività si è concentrata nell’individuazione di eventuali scarichi industriali abusivi che insistono nella zona industriale Bellocchi del Comune di Fano, posta in prossimità del canale Albani e del fiume Metauro.
I controlli posti in essere e i campionamenti effettuati, con il supporto dell’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale di Pesaro, hanno consentito di accertare diversi illeciti in materia ambientale (scarichi abusivi di acque reflue industriali, mancato rispetto della normativa in materia di acque meteoriche di dilavamento dei piazzali industriali, depositi incontrollati di rifiuti, sforamento valori tabellari di scarico, altro).
Sequestrati in totale oltre 11.0000 metri quadrati di aree aziendali ubicate presso i corpi idrici che si immettono in mare, interessate dal mancato rispetto della normativa ambientale. Individuati i responsabili delle violazioni che sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria.

Dalle indagini di polizia giudiziaria svolte conseguiva l’avvio delle procedure amministrative, mediante segnalazione agli Enti competenti, finalizzate alla bonifica dei siti inquinati. In talune fattispecie sono state avviate le procedure previste dal Testo unico ambientale, mediante prescrizione impartita alle ditte interessate. Complessivamente, sono state elevate sanzioni sul piano amministrativo per circa 40mila euro.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS