S’avvaleva del procuratore nonostante fosse in Serie D: squalificato un calciatore della Fermana

SERIE C – I gialloblu perdono per un turno il 2001 Staiano, punito per una condotta irregolare risalente ai tempi di Foggia

Fulmine a ciel sereno. Tra i convocati di Mauro Antonioli per la trasferta della Fermana a Trieste non c’era il giovane classe 2001 Giuseppe Staiano, titolare nell’ultimo turno disputato con il Fano. Il motivo? Una squalifica risalente alla stagione sportiva 2019-20 quando il ragazzo militava nel Foggia, ufficializzata soltanto nelle ultime ore.

Come si legge dal comunicato della Figc, Staiano ha violato i principi di lealtà, correttezza e probità per essersi avvalso dell’opera dell’agente sportivo Giovanni Massa in occasione della stipula dell’accordo economico con la società Calcio Foggia 1920 per la stagione sportiva 2019 – 2020, nonostante la propria qualifica di calciatore dilettante. Cosa che non è permessa dai regolamenti.

Staiano ha patteggiato ed è stato fermato per una giornata (salta dunque Triestina-Fermana). Il secondo turno di squalifica, invece, è stato convertito in tre incontri con i bambini del Centro “Bambini di Betania” di Tortoreto (Te) per il loro avvio all’attività di calciatore.


Articoli più letti della settimana