Sassoferrato, ultimo impegno per i Pulcini

I giovanissimi calciatori del Sassoferrato

CALCIO – Il tecnico Vecchi fa il punto della situazione

di Claudio Comirato

Domenica prossima ultimo impegno di campionato prima della pausa per i pulcini del Sassoferrato Genga che in casa riceveranno la visita dell’Arcevia. A fare il punto della situazione Carlo Vecchi da oltre 14 anni nello staff tecnico del Sassoferrato Genga e attuale allenatore della categoria Pulcini: “La gara con l’Arcevia rappresenta l’ultimo impegno della fase autunnale prima della sosta del campionato. I ragazzini se fosse per loro andrebbero sempre in campo ma questo campionato dopo la fase autunnale osserva come è giusto che sia la fase di riposo in poche parole si riprenderà a giocare tra la fine di febbraio e i primi di marzo. Per i grandi questa partita con l’Arcevia è considerato un derby per i bambini invece è un momento ludico da vivere tutti insieme. La loro vittoria è giocare ed allenarsi non tutti per un motivo o per l’altro possono provare queste emozioni”. Attualmente quanti bambini contano i pulcini del Sassoferrato Genga? “Tra i 2009 e 2010 abbiamo una ventina di elementi, un gruppo compatto ed unito ma la cosa più importante è far crescere questi ragazzi in mezzo al campo facendoli divertire nel rispetto delle regole e dell’avversario. L’aspetto ludico fa parte di un processo di formazione e maturazione di una certa importanza anche se stiamo parlando di bambini in età compresa tra i 9 e i 10 anni. Per loro giocare a calcio è un impegno basti pensare che si allenano due volte alla settimana oltre alla partita”.

A proposito di allenamenti, quali sono le insidie maggiori per un tecnico chiamato a guidare un gruppo di pulcini? : “In linea di massima insidie non ce ne sono è chiaro che certi aspetti devono essere affrontati senza dimenticare che si allenano bambini tra i 9 e i 10 anni. Tutti vanno stimolati allo stesso modo, nessuno deve rimanere indietro poi nella tecnica individuale c’è sempre quello che apprende prima degli altri e allora è necessario fermare il gruppo resettare gli errori fatti e ripartire tutti insieme. A questa età si inizia a lavorare sulla palla sia in fase di trasmissione che di ricezione ma tutto deve essere un gioco solo cosi si ottengono i risultati e i bambini si divertono. Occorre tanta pazienza e tanta passione. A livello personale sono soddisfatto del lavoro che stiamo portando avanti con questo gruppo dove peraltro posso contare sull’aiuto di Riccardo Cicci giocatore della prima squadra”.

Ti potrebbero interessare

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana