Sanità, nessun “Piano Ferie estivo”: la denuncia dei sindacati

Ancora nessuna decisione da parte delle autorità sanitarie

Riceviamo e pubblichiamo

Il Piano Ferie estivo che non c’è! L’Unione Sindacale di Base Area Vasta 5 chiede assunzioni stabili, proroga precari e stabilizzazioni. L’incontro di trattativa con la AV5 è avvenuto lo scorso 27 maggio ma l’Asur era assente.

 

Al primo punto all’ordine del giorno su cui ci si è confrontati, è stato il “Piano ferie 2021”, che non c’è! Dato che anche oggi nulla c’è stato formalizzato da parte dell’azienda! Addirittura non è mai stata ritirata o modificata la sospensione delle ferie fatta il 30 ottobre 2020 a firma del Direttore Area Vasta 5. USB ha chiesto il ritiro di tale “Avviso al personale”.

Come USB abbiamo rappresentato il forte disappunto! Appare inverosimile che dopo oltre un Anno di Covid quest’anno è più problematico che mai, a causa della scarsa presenza di personale sanitario. La Pandemia non ha insegnato nulla alla nostra Dirigenza! Abbiamo chiesto, che venisse formalizzato al più presto e che devono essere fatte Assunzioni Stabili, sia utilizzando le graduatorie di concorso regionale per infermieri già definita sia di OSS e di altre figure come ostetriche, tecnici di laboratorio, tecnici di radiologia, alle quali si può benissimo attingere. Inoltre abbiamo chiesto la proroga, fino a 36 mesi, di tutto il personale precario e stabilizzare il personale che ha requisiti al 31 dicembre 2021. Nulla è stato fatto!
La parte pubblica su questo non ha dato risposte. Manca dunque la volontà dell’Azienda di farlo e non certo le risorse umane e i professionisti. Abbiamo contestato la visione del “recuperare” personale dai reparti invece di assumere! Abbiamo rappresentato che non accetteremo e daremo tutto il nostro supporto ai lavoratori, già abbiamo ricevuto diverse segnalazioni, a cui non verrà garantito il diritto Contrattuale ai 15 GG consecutivi feriali di ferie estive che sono quindi di fatto 15 GG esclusi i festivi…pertanto almeno 17 giorni consecutivi totali! A tutte e tutti i lavoratori sia a tempo indeterminato che determinato!
Invitiamo i lavoratori a esercitare i loro diritti e a formalizzare la richiesta di ferie estive.
Dato che la AV5 ha garantito la fruizione delle ferie estive come sancito da CCNL a tutti i dipendenti dell’AV5.
Abbiamo chiesto oltre alla formalizzazione del piano ferie estivo anche la quantificazione del personale assunto e quello che verrà assunto, ci è stato comunicato 7 infermieri dal 1 luglio, chiaramente abbiamo ribadito che sono numeri altamente insufficienti. Inoltre ci sono altre figure da assumere come le OSS invece che andarle a “recuperare” da reparti che ne hanno estremamente bisogno come ad esempio l’ortopedia di Ascoli! Abbiamo anche fatto presente che il piano ferie deve essere presentato e discusso dai rappresentanti dei lavoratori e non in riunioni di reparto dove non può essere deciso nulla se contrario alle norme e ai diritti contrattualmente dovuti!

virus-decessi-marche

Il secondo punto di discussione riguardava la premialità Covid del marzo maggio 2020. USB si prende il merito e lo abbiamo sottolineato su questa tematica di averla posta all’attenzione durante stato di agitazione davanti al prefetto dove abbiamo denunciato che la direzione ha unilateralmente pagato indennità, straordinario e in parte Premialità Covid senza contrattazione con la RSU, utilizzando quasi certamente tutte le risorse economiche disponibili!

La proposta presentata è comunque carente in ogni aspetto sia economico che formale e questo abbiamo rappresentato chiedendo che venisse modificata sia riguardo alle risorse rimaste sia sui criteri e sulla seconda e terza fascia così come non è condivisibile.
Come Usb abbiamo ribadito, con forza, alla Direzione AV5 la necessità di entrare nello specifico dei criteri e del personale a cui sono stati pagati ore in straordinario, pagati forse a figure che da contratto non possono percepirlo e per contro certamente non erogato a personale a cui non sono state conteggiate, così come da accordo regionale, i 20 minuti in entrata e 20 minuti in uscita dal turno per vestizione DPI Covid!

 

Come USB abbiamo ribadito che le indennità di malattie infettive vanno pagate a tutti i lavoratori impegnati in tutti i reparti e nei servizi territoriali. Così come devono essere decisi e pagati le Premialità Covid. Sempre che ci siano ancora risorse disponibili. Più volte ne abbiamo chiesto conto di questo ma non vi è stata data risposta. Come USB abbiamo fatto notare che da determina che rendicontano quanto erogato in maniera unilaterale e pubblicate solo dopo che USB aveva con determinazione posto la questione davanti al prefetto, sono state erogate oltre 500.000 euro dicevamo nel 2020, abbiamo chiesto alla Direzione quante e se ci sono ulteriori risorse economiche per poter remunerare come dovuto i lavoratori. È inaccettabile che la maggioranza dei lavoratori abbia percepito Zero euro!

Il terzo punto di discussione era incentrato sugli incarichi di funzione organizzative e funzionali.
Questo specifico punto interessa poco o nulla alla USB così come riteniamo la quasi totalità dei lavoratori.
è un fatto che le problematiche sono ben altre, inoltre le risorse economiche destinate a finanziare gli incarichi di funzione devono essere, fortemente, diminuite e utilizzate come prevede il CCNL 2016/2018 per aumentare le varie indennità (turno notturne pronta disponibilità) che sono misere!

Non dimenticando le verticalizzazioni, stabilizzazioni, assunzioni stabili da concorso e da mobilità Intra e extra Asur, proroga precari fino a 36 mesi, stanza dedicata alle lavoratrici dei collegamenti dei piani al mazzoni, è indegno che le lavoratrici ancora non ne hanno la disponibilità dopo che il Direttore AV5 lo aveva garantito davanti al Prefetto di AP il 10 Marzo scorso!

Di fatto oggi nulla è stato deciso e nessun passo avanti è stato fatto per dare risposte alle lavoratrici lavoratori dell’AV5.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia