San Severino, presentato il Programma straordinario di ricostruzione

Interventi per 54 milioni di euro. All’incontro presente anche il Commissario Legnini

E’ di 54 milioni di euro l’ammontare complessivo del piano di investimenti previsto nel Psr, il Programma straordinario di ricostruzione, della Città di San Severino Marche presentato alla cittadinanza dal primo cittadino settempedano, Rosa Piermattei, nel corso di un pubblico incontro tenutosi, al teatro Feronia, alla presenza del Commissario straordinario del Governo per la Ricostruzione Sisma 2016, avvocato Giovanni Legnini, del Subcommissario straordinario, ingegner Gianluca Loffredo, del direttore dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione della Regione Marche, ingegner Stefano Babini.

La proposta di Programma, redatta dall’Amministrazione comunale di San Severino Marche e dai professionisti dell’Area tecnica insieme all’ufficio del Commissario straordinario e all’Usr della Regione a seguito dell’emanazione dell’Ordinanza 107 del 22 agosto 2020 che ha introdotto i Psr quali quadri organici delle attività relative contenenti indirizzi, criteri, prescrizioni e ogni altro elemento ritenuto utile a favorire speditezza, efficacia e qualità della ricostruzione; prevede alcuni importanti interventi pubblici che riguarderanno, nello specifico:
– la Casa di riposo “Lazzarelli”, con un intervento di 6.500.000 euro per il quale è già stata presentata la valutazione di congruità dell’importo richiesto;
– l’asilo nido “Talpa”, con un intervento di 3.800.000 euro per il quale è già stata presentata la valutazione di congruità dell’importo richiesto;
– la palestra ex Gil, con un intervento di 1.750.000 euro;
– il cinema Italia, con un intervento di 1.432.000 euro;
– il santuario della Madonna del Glorioso, con un intervento di 7.150.000 euro;
– il Duomo antico di Castello al Monte, con un intervento di 8.300.000 euro.
Il Psr, comunque, risulta essere uno strumento aperto e aggiornabile periodicamente in base alle esigenze che si possono manifestare nell’arco degli anni di durata della ricostruzione pubblica e privata. Ciò significherà che si potranno essere inserite, in futuro, anche altre progettualità.

Nel programma sono stati previsti, poi, interventi alle infrastrutture considerate strategiche. In questo caso i cantieri riguarderanno:
– l’allargamento del Ponte dell’Intagliata;
– l’allargamento della rotatoria e il potenziamento della viabilità della SP 361 “Septempedana”, con delocalizzazione di due abitazioni. Per le opere è stato richiesto un finanziamento di 5 milioni di euro. In questo caso si tratterà di interventi funzionali alla ricostruzione privata che permetteranno che mettere in collegamento tra loro i territori maggiormente colpiti dal sisma.

Il Psr, inoltre, prevede il rifacimento delle opere di urbanizzazione e dei sottoservizi nelle seguenti zone:
– rione Mazzini;
– rione Uvaiolo;
– rione Settempeda.
Nelle tre aree, risultate quelle maggiormente colpite dalle scosse di terremoto del 2016, è prevista la ricostruzione della rete dell’acquedotto e delle fognature, la ricostruzione della rete gas, la ricostruzione della rete dell’illuminazione pubblica e la ricostruzione della sovrastruttura stradale. Complessivamente il finanziamento richiesto è, in questo caso, di 19.375.727 euro.
Al termine della presentazione del Programma straordinario di ricostruzione della Città di San Severino Marche il Commissario Legnini, il Subcommissario Loffredo e il direttore dell’Usr Babini, accompagnati dal sindaco Piermattei hanno fatto visita al cantiere per la ricostruzione del nuovo Istituto Tecnico Tecnologico Statale “Eustachio Divini”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia