San Ginestra il migliore, Cognigni solo gol pesanti

LE PAGELLE DELLA FERMANA – Manetta che rischio, e quelle parole di Antonioli…

di Lorenzo Attorresi

Ginestra 7: San Paolo da Pergola legge le parabole di Nocciolini e fa miracoli. L’ex Parma viene disinnescato due volte, ma la parata più bella la fa su Lescano d’istinto (anche se c’era offside). Mamma mia…

Manetta 4.5: che dirgli, aggredisce il derby che è un piacere, poi gli si “attappa” la vena inspiegabilmente. Amputa Angiulli, giallo, trattiene Maxi Lopez in modo reiterato poi lo falcia dopo lo scarico e sarebbe seconda ammonizione in meno di un tempo. Il rosso glielo mostra Antonioli all’intervallo, ma lui si siede in panchina e si fa cacciare veramente per proteste nel finale.

De Pascalis (1’st) 5.5: anticipo che poteva evitare, la Samb si prende il fallo e dalla punizione pareggia.

Comotto 6.5: quando difende in area sui cross non lo spaventa nemmeno Lopez, il capitano torna Maxi.

Scrosta 6.5: vedi Comotto, quando c’è da incollarsi all’uomo ha pochi rivali.

Rossoni 6: piede non molto raffinato, ma maturità calcistica. Esordisce in un derby e fa il suo, tenendo la posizione con diligenza.

Urbinati 6: prende un giallo a fine primo tempo come un pollastro. Ma questo stile di gioco lo esalta e contribuisce a metterlo maggiormente in luce.

Bigica (46’st) sv

Demirovic 6: l’inizio è da brivido. Vuoi vedere che lo sloveno verrà inghiottito dalla partita? E invece no, inizia a randellare e a rendersi utile.

Iotti 6.5: cambia l’ennesimo ruolo della sua vita, si mette mezzala e il numero con cui si libera di Scrugli favorendo il gol di Cognigni gli fa rompere il ghiaccio dopo tre minuti. Può fare l’interno di centrocampo? Il giudizio è rimandato.

Sperotto 5.5: Spero è sempre lui, qualche volta la luce si spegne e si rischia il patatrac. Mawuli sembra Zidane in uno spot televisivo e gli fa fare brutta figura, poi tocca cortissimo per Ginestra… Per una nocciolina non c’arriva Nocciolini…

Cognigni 6.5: la sua sfilza di gol pesanti continua. Gol da attaccante vero. Da interista doc, non si è fatto impietosire nemmeno dal gemello del nerazzurro D’Ambrosio.

Raffini (33’st) sv

Neglia 6: ha quel tocco di palla che fa stare tranquilli tutti. Innesto che sposta gli equilibri. Esordio per riambientarsi.

Antonioli (all) 6.5: affronta di petto il momento e non ha vergogna di tornare all’antica con un 3-5-2 solido senza rischi. Punta sugli over e rinuncia al minutaggio degli under con coraggio. Intelligentissimo nel sostituire Manetta, piacciono meno i riferimenti arbitrali a fine gara (“la punizione dell’1-1 non c’è e poi c’è un fallo su uno dei nostri”): il fallo di De Pascalis dal quale è scaturito il pari ci poteva stare, come pure ci poteva stare quello di Maxi su Neglia non sanzionato sulla ribattuta. Peccato però che senza la grazia a Manetta la Fermana avrebbe rischiato di giocare tutto il secondo tempo in 10…

LE PAGELLE DELLA SAMB
LA CRONACA DEL DERBY


Articoli più letti della settimana