‘San Benedetto Film Festival’, quattro serate col cinema di qualità alla Palazzina Azzurra

La Palazzina Azzurra a San Benedetto del Tronto

In gara ci sono 12 opere più altre tre che hanno ricevuto la Menzione Speciale per il toccante racconto del sisma del 2016. Fuori concorso un lavoro incentrato sul tema della violenza. Non mancano le proiezioni con riferimento al tema del Covid e del Lockdown

Quattro serate all’insegna del cinema di qualità tra nomi illustri del panorama internazionale e artisti talentuosi in fase di affermazione con cui il “San Benedetto Film Fest” omaggia l’arte cinematografica e il nostro territorio.

Sotto le stelle che incorniciano la storica Palazzina Azzurra, dal 13 al 16 luglio, si assisterà alla proiezione dei prodotti finalisti e alla serata di premiazione che regalerà, attraverso la voce dei protagonisti, dei registi e degli artisti vincitori, grandi emozioni.

Il direttivo del Festival, formato da Marco Trionfante (Direzione Artistica), Cosimo Guadalupi (Presidente), Fabio Varese (Project Manager Programmazione e Allestimenti), Luigi De Scrilli (Consulenza Legale), Giovanni Leanza (Account Manager), Olga Merli e Alfredo Amabili (Referenti della Giuria) ha mantenuto la promessa che si rinnova da ben cinque anni, riconfermando l’appuntamento per gli amanti del cinema ma anche per le professionalità che vi lavorano. Appuntamento che diventa, ogni anno, più prestigioso e che, in questa edizione, vanta quasi duecento titoli tra lungo e cortometraggi, provenienti da tutto il mondo. L’evento gode del patrocinio del Comune di San Benedetto del Tronto.

Un successo che ci sprona a continuare, a migliorarci, a metterci in gioco con lo spirito di dedizione che ci caratterizza, finalizzato alla promozione del cinema e delle arti in tutte le loro poliedriche sfaccettature – sono le parole di Marco Trionfante, direttore artistico della kermesse -. Grande è stato l’impegno profuso in questi mesi dal Direttivo che ringrazio e dalla Giuria Tecnica e altrettanto ne servirà per la realizzazione della sessione invernale del Festival, totalmente concentrata sui lungometraggi che, a grande richiesta, abbiamo deciso di istituire affinché la città di San Benedetto del Tronto possa fruire di un altro momento di intensa interazione con l’arte cinematografica”.

I titoli finalisti di questa quinta edizione, mentre ricordiamo che, già da ora è possibile prenotare i propri posti alla kermesse direttamente sul sito del Festival sanbenedettofilmfest.it, sono:
INVERNO – Regia di Giulio Mastromauro, U SCANTU Regia di Daniele Suraci, IL PRIGIONIERO Regia di Federico Olivetti, L’INVITO – Regia dei Fratelli Borruto, TROPICANA – Regia di Francesco Romano, MY DOLLY– Regia di Fabio Schifino, DROPS OF LIGHT – Regia di Silvia Monga, ABBASSA L’ITALIA – Regia di Giuseppe Cacace e Alfredo Fiorillo, COLPA DEL MARE– Regia di Igor di Giampaolo e Giuseppe d’Angella, SASSIWOOD – Regia di Antonio Vincenzo Andrisani e Vito Cea, IL DIRITTO ALLA FELICITÀ – Regia di Claudio Rossi Massimi, L’ITALIA CHIAMÒ – Regia di Alessio Di Cosimo.

Il Direttivo del “San Benedetto Film Fest” ha voluto dare un importante e sentito riconoscimento a tutti i prodotti audiovisivi che hanno saputo riaccendere, con realistico pathos, i riflettori sul terremoto del 24 agosto 2016 che ha colpito al cuore i nostri territori che vivono ancora “in sospensione” quella tragedia.

Ecco le Menzioni Speciali: TERRA SOSPESA – Regia di Matteo Grimaldi e Giacomo Boeri, COME NIENTE – Regia di Davide Como, THIS IS THEIR LAND – Regia di Gioia Giacobetti.

Fuori concorso: CATENE – Regia di Silvia Estella Ondina Sanna – cortometraggio basato sulla drammatica vicenda di William Pezzullo, vittima di un gesto ignobile,  con la partecipazione dell’autore e attore Luigi Terrazzino, sposta il focus dell’attenzione sulla violenza che non deve essere indicizzata secondo convenzionali cliché e non può essere segregata all’interno di schemi limitanti ma deve essere analizzata seguendo un percorso di tutela personalizzata. Madrina d’eccezione per la presentazione del cortometraggio, fuori concorso, è l’assessore alle Pari Opportunità del Comune di San Benedetto del Tronto, Antonella Baiocchi (Psicoterapeuta e Criminologa) che è, in Italia, precorritrice di un concetto innovativo, quello delle “Pari opportunità inclusive” di tutte le vittime, indipendentemente dal sesso, dall’età, dalla cultura e dalla razza.

La Giuria Tecnica, guidata dall’attore e regista Alfredo Amabili e da Olga Merli autrice e sceneggiatrice cine- televisiva: “Come ogni anno abbiamo elaborato un percorso specifico per la valutazione dei finalisti del “San Benedetto Film Fest” che garantisse di coniugare la nostra mission, incentrata sulla condivisione di codici, identità culturali ed inclusività in un’ottica di pluralismo e autonomie prospettiche. Fondamentale è riconoscere l’opera della giuria tecnica che è stata all’altezza di questo ruolo con l’ingresso, anche, di nuovi e competenti membri”.

“Esperienza molto positiva, derivata dalla visione e dalla valutazione di un ricco cartellone di prodotti audiovisivi, provenienti da vari paesi e diversificati per genere – è il commento di Antonio Falcone, componente della Giuria Tecnica -. Un confronto costruttivo con gli altri membri della giuria; una condivisione di sensazioni ed emozioni riguardo alla complessiva qualità dei film, piuttosto elevata direi nonché sulla trattazione degli argomenti e dei temi dei prodotti dove chiaro è stato il piglio originale e distante da toni compiacenti e compiaciuti”.

Per Francesca Spinozzi, l’esperienza di giurato all’interno del “San Benedetto Film Fest” si è riconfermata “impegnativa ma stimolante e costruttiva, confermando la qualità dei lavori pervenuti e ponendo l’accento sulle numerose pellicole presenti che hanno affrontato il tema del lockdown con la sfida di raccontare emozioni attraverso le immagini”.

La Giuria Tecnica è formata da: Alfredo Amabili (Regista e attore), Olga Merli (Autrice – Sceneggiatrice Cine-Televisiva), Francesca Spinozzi (Post Produzione, Montaggio e Segretaria di Edizione), Antonio Falcone (Giornalista, Critico Cinematografico, Blogger), Maria Vittoria Guaraldi (Esperta in Critica Giornalistica Cinematografica), Eugenio De Angelis (Docente universitario di Cinema), Giuseppe Di Caro (Docente di Fotografia e Fotografo ufficiale dell’Accademia del Cinema Italiano), Andrea Borgomaneri (Regista, Autore, Sceneggiatore), Andrea Giancarli (Regista, Autore, Post Produzione), Giovanni Leanza (Direttore di produzione), Mauro Vannini (Attore e regista teatrale), Alessandra De Flaviis (Docente di Lingue e cinefila).

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia