Samb, tutti gli ostacoli per l’iscrizione: documenti e altri 50 mila euro

CALCIO – Tempi sempre più stretti per il presidente Renzi

È iniziata una settimana chiave in casa Samb, con Roberto Renzi che entro giovedì 30 giugno è tenuto a saldare tutti gli stipendi rimasti della stagione già conclusa. Il pagamento dei rimborsi spese, infatti, è fondamentale in vista delle documentazioni che si dovranno presentare il prossimo 15 luglio per l’iscrizione al nuovo campionato di Serie D.

Il presidente rossoblù dovrà sborsare circa 200 mila euro comprese le varie pendenze extra, ma la cifra salirà ancora con l’eventuale presentazione della domanda di partecipazione. Vanno aggiunti altri 50 mila euro tra tassa di iscrizione e fideiussione bancaria a prima richiesta, con scadenza a luglio 2023. Inoltre, bisognerà esibire le dichiarazioni liberatorie o copia della contabile del bonifico bancario ed anche copia del documento d’identità di ciascun tesserato attestanti il pagamento, a tutto il 31 maggio 2022, dei rimborsi spese ai calciatori e agli allenatori così come previsto dagli accordi economici depositati.

Infine, se alla data del 30 giugno la Samb presentasse debiti sportivi, occorrerà emettere per l’importo stabilito un assegno circolare non trasferibile o bonifico in favore della FIGC-LND entro il 15 luglio. Gli ostacoli, dunque, sono diversi e il tempo per Renzi comincia a scarseggiare…

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia