Romano Mengoni fuori dall’incubo: “Ho avuto il Covid19, il peggio è alle spalle”

Romano Mengoni

 

CALCIO – Il conosciutissimo preparatore atletico di Montecassiano ha sconfitto il Coronavirus dopo un lungo periodo in terapia intensiva

“Ho avuto il Coronavirus. Il peggio me lo sono lasciato alle spalle”. Così racconta al Messaggero, Romano Mengoni, conosciutissimo preparatore atletico di Montecassiano, ma che in carriera ha girato l’Italia nelle formazioni professionistiche tra cui anche la Maceratese.

Quest’anno nel mese di ottobre (a stagione in corso quindi) si era accasato nella “vicina” Gubbio” e purtroppo, come tanti in Italia, ha contratto il maledetto Covid19. La notizia è rimasta segreta, la società non ha fatto trapelare nulla, fino a quando lo stesso Mengoni non ha deciso di raccontare la sua storia una volta uscito dalla terapia intensiva.

Tutto ha avuto inizio lo scorso 12 aprile nella sua casa di Montecassiano, quando Mengoni (compirà 60 anni il prossimo 25 giugno) ha iniziato ad avvertire i primi sintomi. Una Pasqua da incubo insomma. Nell’arco di una settimana, partita da alcune linee di febbre, la sua situazione si è complicata drasticamente tanto da dover essere ricoverato. Egli stesso racconta, non solo che ha avuto bisogno del respiratore, ma che i medici, lungo tutto questo periodo, gli hanno fatto ascoltare anche le voci dei suoi cari che lo incoraggiavano, aspettando il miglioramento delle condizioni generali che si sono manifestate solo nelle ultime ore. Adesso ci vorrà ancora qualche giorno per ristabilirsi, aspettando la negatività dei tamponi, ma la cosa più importante è che l’incubo finalmente è terminato.

 

 

 

 

 

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia