Rocco Costantino uomo della provvidenza: “Periodo duro con tante critiche, ho avuto fede”

SERIE C – L’ex Vis Pesaro adesso al Catania ha deciso con un guizzo di testa al 120′ la finale di Coppa Italia col Padova. Ora gli etnei devono evitare i playout in campionato per accedere direttamente ai playoff nazionali per la B

Rocco Costantino segna sempre. Lo ha fatto tantissimo in Serie D, in quel girone F che lo ha lanciato, lo ha fatto soprattutto a Pesaro nelle Marche (più di 20 sigilli nel 2016-17). Per poi iniziare a sfondare in Lega Pro, sfiorando quella B prima con il Sudtirol e poi con la Triestina. A distanza di qualche anno, l’attaccante di Pineto classe ’90 può riprovarci con la maglia del Catania, girone C, dove è approdato a gennaio.

Ieri sera un lampo di Costantino ha deciso la finale di Coppa Italia di categoria al 120esimo minuto. Il ritorno di Catania-Padova (1-2 all’andata all’Euganeo) è finita 4-2 a venti secondi dai rigori, grazie ad un colpo di testa di Rocco, subito intervistato ai microfoni di Rai Sport. “Non è stato un periodo facile, ho ricevuto molte critiche ma sono stato zitto, ho lavorato molto aggrappandomi alla fede…”, le prime parole in diretta nazionale. In effetti al Massimino Rocco aveva esordito con un gol in campionato alla prima apparizione, per poi rimanere due mesi a bocca asciutta. Ora il Catania dovrà evitare i playout del suo girone per poter accedere direttamente ai playoff nazionali per la B maturati di diritto.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS