Riviera delle Palme, mare azzurro e spiagge dorate: cosa vedere

(Foto da turismo.comunesbt.it)

Bandiere Blu 2021 per Cupra Marittima, Grottammare e San Benedetto del Tronto

di Marica Massaccesi

La famosa Riviera delle Palme si estende lungo la costa adriatica della provincia di Ascoli Piceno e prende il nome dalla presenza di numerose palme, circa 7000 di 13 specie diverse. Il mare azzurro, le spiagge di sabbia dorate e il tipico clima mediterraneo è meta ogni anno di turisti da tutto il mondo pronti a vivere momenti e scorci indimenticabili. Cupra Marittima, Grottammare e infine San Benedetto del Tronto rappresentano la Riviera delle Palme e anche quest’anno hanno avuto il riconosciuto di Bandiere Blu 2021.

Fiore all’occhiello della Riviera delle Palme è senza dubbio San Benedetto del Tronto con il suo lungomare di circa sei chilometri. Oltre alle palme presenti, sul lungomare sono presenti molti giardini tematici, fontane, aree ricreative e di svago. La spiaggia vanta una sabbia finissima e bianca, il mare limpido e pulito e il fondale poco profondo. Da San Benedetto parte la rinomata “Ciclovia Adriatica“, una lunga pista ciclabile che costeggia tutto il litorale adriatico.

Poi c’è Grottammare, soprannominata “la Perla dell’Adriatico“. La sua spiaggia, lunga circa cinque chilometri, è caratterizzata da una sabbia finissima, mare blu e poco profondo. Sul lungomare non mancano palme e oleandri importati dalle Canarie nei primi decenni del Novecento. La località turistica è anche uno dei Borghi più Belli d’Italia. Il borgo medievale è adagiato ai piedi del Monte Castello. Da vedere la chiesa di S.Agostino, il torrione della Battaglia, la torre dell’orologio e il Teatro dell’Arancio.

Per concludere Cupra Marittima, definita “Duna Marittima“, ha una spiaggia di due chilometri e una pineta, divenuta un’area protetta della Regione Marche. La tranquillità del luogo è particolarmente amata da famiglie con bambini. Da vedere il Museo Malacologico Piceno con oltre 800.000 esemplari di conchiglie provenienti da tutto il mondo. Tra le sezioni spiccano quelle relative alle conchiglie fossili, alle cipree, a madrepore e coralli, alla molluschicoltura e agli strumenti di raccolta. Due sezioni sono dedicate alle conchiglie del medio Adriatico e delle Marche.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana