Ristrutturazione di Palazzo Nicolini e non solo: il comune ottiene oltre 6 milioni

Diversi gli interventi

Per la ristrutturazione di Palazzo Ciccolini a Civitanova Alta arrivano 2 milioni e 685 mila euro del fondo “Programma sicuro verde e sociale: riqualificazione dell’edilizia residenziale pubblica” legati al PNRR. Altri 4 milioni di euro circa saranno destinati rispettivamente alla riqualificazione del palazzo ex Vetreria di via Volta, nella zona Ceccotti, e alla demolizione e ricostruzione delle case popolari di via XXX Giugno a Civitanova Alta.

I tre interventi, che si svilupperanno a Civitanova, sono stati oggetto dell’approfondimento degli amministratori comunali e regionali in quanto il Comune costiero si è distinto per l’eccellenza degli elaborati progettuali, portando a casa tre finanziamenti diversi, secondo in classifica solo a Pesaro, che ne riceverà contributi per quattro interventi. Un risultato importante per la città del futuro, per il quale il sindaco ha ringraziato la Regione Marche che si è dimostrata capace di recepire in tre mesi il fondo di 62 milioni di euro delicato all’edilizia popolare e ha lodato il lavoro gli uffici tecnici che hanno inoltrato progetti credibili e sostenibili, dimostrando alta professionalità.

“L’assegnazione di sei milioni e mezzo di euro per l’edilizia popolare a Civitanova, insieme ai recenti 5 milioni di euro per il comparto Trieste – ha spiegato il sindaco Ciarapica – è la migliore risposta che questa Giunta possa dare in primis ai cittadini che vedranno riconoscersi un loro diritto all’abitazione e alle critiche dell’opposizione che ci accusa di fare promesse, in particolare per Civitanova Alta, quando invece si sta portando avanti alacremente un lavoro eccellente per la pianificazione degli interventi di ristrutturazione. Da decenni non arrivavano finanziamenti per il settore di residenza pubblica e l’Ente con le proprie risorse non potrebbe mai riuscire a coprire le spese. Per questo stiamo facendo tanto lavoro nella ricerca di fondi europei e regionali e possiamo toccare con mano i risultati. Grazie all’assessore Aguzzi e a tutta la Giunta regionale per la vicinanza mostrata alla città, confermata anche dalle numerose occasioni di presenza in questo primo anno di mandato”. 

A spiegare i progetti nel dettaglio è intervenuto l’assessore Carassai, che ha rimarcato come l’Amministrazione comunale proceda non solo alla manutenzione delle ordinarie necessità dei cittadini, ma abbia lo sguardo proteso al futuro. “Novecento mila euro per l’ex Vetreria, di proprietà Erap – ha detto Carassai – ci permetteranno di riqualificare un edificio storico e centrale. Per Civitanova Alta le ingenti risorse per palazzo Ciccolini faranno seguito a ulteriori progetti di collegamento con attracchi meccanizzati al parcheggio del lavatoio che saranno proposti sempre a finanziamento. Le case polari di via XXX Giugno erano in condizione fatiscenti ed è questo l’intervento che contiamo di avviare in tempi celeri. Gli altri dovranno ricevere l’autorizzazione della Soprintendenza, sappiamo che i tempi sono lunghi e sarà compito della prossima Amministrazione non lasciarsi sfuggire le opportunità che oggi mettiamo sul piatto. Altri 4 milioni di euro sono stati da noi chiesti per la sistemazione della delegazione”. Attraverso Erap finanziati altri due interventi, uno al primo posto in graduatoria che è in via XXX Giugno a Civitanova Alta (ristrutturazione case popolari) per 2 milioni e 912 mila euro che andranno a coprire la demolizione e ricostruzione di due palazzine (12 appartamenti), di cui una attualmente abitata e l’altra abbandonata e l’altro intervento è previsto in via della Vetreria, via Volta, per 915 mila euro per ricavare sei appartamenti nelle case degli ex dipendenti della Vetreria oggi in disuso.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi