Rissa nella Galleria Dorica: provvedimenti per cinque giovani

Il Questore Capocasa: “Brillanti risultati”

I poliziotti della locale Divisione Polizia Anticrimine, guidati dal Dirigente Dr.ssa Marina Pepe, stanno notificando in queste ore, 5 provvedimenti D.A.C. Ur. Ex art. 13 bis D.L. n.14 del 2017, come novellato dal D.L. 130/2020, ed un Avviso Orale, disposti dal Questore di Ancona, Dr. Cesare Capocasa, nei riguardi di altrettanti soggetti, evidenziatesi per comportamenti socialmente pericolosi e che hanno destato allarme per l’ordine e la sicurezza pubblica.
Immediata è stata la risposta della Polizia di Stato ai fatti avvenuti sabato pomeriggio nei pressi della Galleria Dorica (leggi). A seguito dell’intensa attività posta in essere dal personale dell’U.P.G, e S.P. e del Reparto Prevenzione Crimine di Bologna nella notte del 16 gennaio, è stato possibile individuare i soggetti coinvolti nella rissa ed assicurarli alla giustizia.

Nei loro confronti scattano oggi anche le misure di prevenzione firmate dal Questore di Ancona, affinchè simili comportamenti non si ripetano. A seguito dei suddetti provvedimenti D.Ac.Ur, i cinque soggetti coinvolti nella rissa in galleria Dorica, davanti al bar lì situato, non potranno più accedere a tutti i locali pubblici siti nella predetta galleria, in Corso Garibaldi, Piazza Cavour, Corso Mazzini e Piazza Roma.
Inoltre nei riguardi di uno dei corrissanti, italiano e residente in città, è stato disposto anche l’Avviso Orale del Questore, volto a far sì che cessi immediatamente le condotte illegittime e modifichi il proprio modo di vivere orientandolo alla legalità.

 

I D.Ac.Ur. avranno efficacia per due anni, salvo la misura emessa nei riguardi di uno dei corrissanti di minore età, per il quale la vigenza è stata disposta per un anno solo.
Si rammenta che per i fatti di sabato pomeriggio l’U.P.G. e S.P. ha proceduto alla denuncia per rissa di cinque soggetti, di cui tre in stato di arresto, misura convalidata dall’Autorità Giudiziaria ordinaria; un soggetto minore è stato accompagnato ai sensi dell’art. 18 D.P.R. 448/88 ed infine un cittadino di nazionalità peruviana è stato denunciato a piede libero.

Il Questore Capocasa: “Si conferma e continua l’impegno costante della Polizia di Stato, non solo a reprimere i reati già commessi, ma ad operare in maniera fattiva per prevenirne di ulteriori, attraverso una mirata attività di controllo e prevenzione sul territorio cittadino e di tutta la provincia di Ancona. I brillanti risultati ottenuti anche nell’individuazione dei responsabili di questo evento confermano che il dispositivo adottato di presidio del territorio, costituisce la risposta vincente in termini di contrasto al degrado e all’illegalità ”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia