Ricotta pronto alla sfida con Parcaroli: “Meglio, significa che non giocherò da solo”

Il candidato del Centro Sinistra presenta la lista “La nostra Città” guidata da Renis

di Maurizio Verdenelli

Sandro Parcaroli ha accettato, dopo l’invito di Salvini? Ah, meglio così: significa che non giocherò più da solo“. Intorno al Candidato del Centro Sinistra, schierati in cerchio, sorridono gli alleati della lista civica La nostra Città guidata da Romeo Renis. L’idea-forza che emerge dalla novità recata dal cronista pare essere questa: forse Parcaroli sarà un competitor più duro, ma nessuna paura, vinceremo lo stesso. La corsa elettorale, Ricotta, l’ha avviata infatti ufficialmente da alcuni mesi, mentre al leader ritrovato del Centro Destra poco tempo resta da qui alla seconda metà di settembre, data fissata per il voto. La notizia ‘vera’ resta che stavolta il Centro Destra intende gareggiare ‘sul serio’ e Salvini possibilmente vuole vincere a Macerata dopo aver ceduto (vedi candidati governatori) Marche, Puglia e Campania a FdI e FI. “Non giocherò da solo” ripete Narciso Ricotta.

Infatti è proprio così. A spalleggiarlo ci sono ben sette liste, delle quali cinque civiche. I Magnifici Sette sono una forza dirompente in una comunità di appena 42mila abitanti. “E le cinque Civiche rappresentano ognuno uno spaccato della vita socio-economica del territorio”. La vittoria al Comune chiavi in mano? Fino a ieri sera quando è squillato il cellulare del patron di Medstore: “Pronto, sono Matteo…”. E da quel momento é iniziata un’altra corsa elettorale. Narciso questo lo sa.

Sotto l’abete bianco e il castagno ai Giardini Diaz, sopra ad un pallaio del circolo ricreativo (dove ritualmente si è svolto il secondo incontro) l’assessore uscente della giunta Carancini ha dichiarato che la sicurezza, idea-forza della lista guidata dell’ispettore Renis ‘non è argomento esclusivo della Destra. Il Centrosinistra pone infatti particolare rilievo alla prevenzione attraverso politiche di sicurezza urbana e percorsi di legalita’. A cominciare dal fondamentale principio della mutualità di vicinato. In una parola: La fatidica chiave nella porta 2.0 che sarà impegno della mia amministrazione, se verrò eletto“.

Altre promesse: un tavolo di concertazione sui principali settori della vita cittadina, all included (a partire dall’Arena) e la rinascita dei Consigli di Quartiere, esperienza conclusa a Macerata come nel resto d’Italia oltre 30 anni fa.

Un incontro piacevole insieme con Ricotta e Renis che era sembrato qualche settimana fa più algido dichiarando di appoggiare chiunque il Centrosinistra avesse indicato come candidato sindaco. “Siamo una lista di persone che vivono e lavorano nella città, rappresentiamo vari ambiti e, dalla chiesa cattolica, l’intero ambito costituzionale con rigorosa eccezione della Destra” ha dichiarato l’ex consigliere comunale del Pd. Aggiungendo: “Ricotta ci piace perché ha accettato la nostra proposta prioritaria di dialogo”.

Marco Morresi: “Nessuno di noi cerca posti di lavoro o di piazzare qualcuno attraverso la politica. Vogliamo crescere insieme con la città. La giunta Carancini? Non diciamo certo che ha fatto cretinate, ma anzi che ha lavorato bene. E diciamo pure che la futura giunta Ricotta lavorerà molto bene”.

Analoghi endorsement dalle loro particolari prospettive arrivano da Gianluca Princisgalli (infermiere), Lucia Giuliani (infermiera, filosofa e ricercatrice), Giovanni Cioverchia (arredatore d’interni e grafico: suo il logo della lista che ha al centro la Loggia dei Mercanti),
Paolo Brasca (insegnante delle secondarie di secondo grado), Federica Messi (studentessa), Marina Lombardello (medico). E mentre nell’aere fumigante dell’estate maceratese sale un concorde I Love Narciso, al modo di Milton Glaser, ecco passare in bici con fare noncurante, cuffie alle orecchie e tecnologia a bordo, David Miliozzi, ‘sorpresa’ alle Primarie del Pd. Una rapida comparsa intercettata tuttavia dall’avv. Ricotta che lo segnala agli astanti. Variegati i commenti. Nulla sfugge al Candidato sindaco, favoritissimo fino a ieri. Da oggi un po’ meno, ma soltanto un po’.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia