Recanatese verso Novara, ultima volta in uno stadio da serie A ha portato bene: “Momento incredibile”

L'esecuzione di Federico Palmieri al Manuzzi di Cesena con la maglia della Recanatese

CALCIO – Federico Palmieri ricorda il gol vittoria segnato al Manuzzi di Cesena

Sabato la Recanatese farà visita al Novara allo stadio “Silvio Piola” per la semifinale della Poule Scudetto dove in palio c’è l’accesso alla finalissima. Sarà emozionante e stimolante per i ragazzi di Pagliari affrontare una squadra che appena dieci anni disputava la serie A e su quel terreno di gioco batteva l’Inter. L’ultima volta che la Recanatese ha giocato contro una nobile decaduta in uno stadio di spessore è stato nella stagione 2018/2019 quando il 7 novembre 2018 al Manuzzi, con oltre 8mila tifosi sugli spalti, ha sfidato e battuto il Cesena.

Un uno a zero già di per sé storico e che porta la firma di Federico Palmieri. Un momento che l’attaccante classe ’96, nell’ultima stagione in forza al Valdichienti Ponte, ha ben impresso in mente. “Ricordo tutto, dal ristorante fino a dopo la partita. Il gol invece forse è il ricordo meno nitido che ho perché sono stato travolto da mille emozioni. Entrare, segnare il gol decisivo al Cesena al Manuzzi, davanti a quasi diecimila persone, in una partita che contava molto ed esultare sotto lo spicchio dei nostri tifosi. Vuoi mettere? Non potevo pretendere di meglio. Tutte sensazioni che ti fanno sentire un calciatore a tutti gli effetti”.

Un gran movimento a smarcarsi tra le linee per liberarsi lo spazio, Borrelli lo serve col contagiri e senza pensarci due volte colpisce e trafigge Agliardi. Palmieri però aveva ulteriori motivazioni extra campo. “Sì. Per chi mi conosce sono una persona calma, ma ai tempi di Santarcangelo con mister Angelini ho avuto un duro battibecco. Sul campo mi son voluto prendere la mia rivincita e direi che in quella sfida ci sono riuscito”.

Ora è tempo di scrivere un nuovo capitolo. Adesso c’è il “Piola” di Novara e poi dall’anno prossimo la serie C e le gare come quelle di Cesena diventeranno (quasi) all’ordine del giorno. “La Recanatese si merita di arrivare fino in fondo anche alla Poule Scudetto. Quest’anno ha compiuto un’impresa. Sono contento per la società ma anche per mister Pagliari che è una persona capace, umile e per bene”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia