Recanatese, con la Torres obbligata al risultato: “La vittoria non deve essere assillo”

Giovanni Pagliari, allenatore Recanatese

SERIE C – I giallorossi domani (sabato) alle 14.30 in casa sfidano la formazione sarda, mister Pagliari: “Giocando con le nostre idee le cose prima o poi arriveranno”

Tutti a disposizione tranne i soliti noti (Gomez, Meloni e lo squalificato Alfieri) con questi presupposti e un vasto ventaglio di scelte mister Pagliari e la Recanatese si apprestano ad affrontare domani alle 14.30 la Torres all’Helvia Recina di Macerata per la quinta giornata del girone B. La formazione sarda di Sassari è reduce da due pareggi consecutivi contro Cesena e Imolese conquistando finora solo due punti, uno in meno della Recanatese. Due squadre quindi che vanno a caccia ancora della prima vittoria stagionale. C’è fame tra i sardi, ma altrettanta e sicuramente maggiore in casa giallorossa con i leopardiani che vorrebbero regalarsi il primo successo in C dinanzi al proprio pubblico. 

“Un’attesa che però non deve diventare un assillo” dice un Pagliari che sicuramente vorrà avere un ruolo importante in questa fase dove le partite si preparano più sull’aspetto mentale che altro. Il tecnico ribadisce il concetto “dell’atteggiamento che la squadra deve avere in campo” ed è certo che “proseguendo sul percorso intrapreso e giocando con le nostre idee e in una certa maniera, le cose prima o poi arriveranno”. Questo è anche e soprattutto riferito a un successo che prima o poi arriverà. Che sia con la Torres o meno. Ma sicuramente contro i sardi, che è uno scontro diretto, la Recanatese non può permettersi un passo falso. E le sensazioni sono buone. “Abbiamo finito le gare in crescendo giocando ottimi secondi tempi, contro il San Donato potevamo addirittura vincerla. Dobbiamo continuare su questa squadra – conclude Pagliari – senza troppe ansie o preoccupazioni che non portano a nessun risultato”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana