Recanatese, come una coltellata: sarebbe stata sempre ripescata nelle ultime 16 estati…

Anni e anni di rinunce e teste tagliate dalla Covisoc dal 2008 in poi, ma nel 2024 minimo storico di bocciature. Leopardiani gelati, primi degli esclusi e condannati alla Serie D

Recanatese freddata, Così fa malissimo. I leopardiani, con quella posizione privilegiata in graduatoria, sarebbero stati sempre ripescati nelle ultime 16 estati. Quella del 2024, però, ha deciso di essere l’estate con il minimo storico di riammissioni-ripescaggi in Serie C. Roba che ti manda al manicomio. Giallorossi dunque beffati e maltrattati dal destino: dal 2008 in poi sarebbero stati sempre dentro, ora invece devono piegarsi definitivamente alla Serie D. Nessuna rinuncia e una sola esclusione (l’Ancona): due beffe in una, con la Recanatese che sarebbe stata la prima nelle riammissioni a costo zero e la seconda nei ripescaggi con 300mila euro a fondo perduto (dentro il Milan U23 al posto dei dorici). Recanatese rigorosamente prima delle non rientranti.

Un solo posto vacante non si era davvero mai visto. Andando a ritroso, nel 2023 si sono registrate l’esclusione del Siena e la rinuncia del Pordenone, oltre al ripescaggio in B del Brescia al posto della bocciata Reggina. Di conseguenza in Lega Pro tre caselle libere: è stato riammesso il Mantova di Possanzini, è stata iscritta l’Atalanta U23 ed il secondo ripescaggio per occupare il terzo spazio fu appannaggio di una squadra proveniente dalla Serie D, ossia la Casertana che non sbagliò la domanda a differenza del Fano…

Nel 2022, due bocciature. Il Teramo e, a sorpresa, anche il Campobasso: ripescate dunque Fermana (retrocessa dalla C) e Torres (dalla D). Nel 2021 esclusioni come Novara, Carpi, lo stesso Chievo in B. Out anche la Casertana e il Gozzano. A beneficiare dei ripescaggi le varie Lucchese, Pistoiese, Latina, Siena e Fidelis Andria. Andando ancor più giù, che carneficina. Nel 2020 rinunciarono Campodarsego, (promosso dalla Serie D), Siena e Sicula Leonzio. Di conseguenza salirono le retrocesse Giana Erminio e Ravenna, mentre dalla Serie D festeggiò il Legnago in sostituzione del Campodarsego.

Nel 2019 furono addirittura cinque le vacanze d’organico: rinunciarono Albissola, Arzachena, Lucchese, Siracusa e Foggia. Furono riammesse Bisceglie, Fano, Paganese e Virtus Verona (in pratica tutte le retrocesse dalla C) e furono ripescate Modena e Reggio Audace dalla D. Nel 2018 fallirono tre società: Mestre, Reggiana e Fidelis Andria; la Virtus Bassano si fuse con il Vicenza e i posti liberi furono occupati con i ripescaggi dalla Serie D di Cavese ed Imolese e con l’ammissione, per la prima volta, di una seconda squadra appartenente a una società di Serie A: la Juventus U23.

Nel 2017 non si iscrissero al campionato cinque società: il fallito Latina, il Como – che non avendo provveduto ad onorare alcune pendenze necessarie per chiedere la riaffiliazione alla FIGC si vide rifiutare l’attribuzione del titolo sportivo della vecchia società fallita nel corso della stagione precedente -, la Maceratese – che decise di non iscriversi a causa dei numerosi debiti e della pesante penalizzazione a cui sarebbe andata incontro -, il Messina e il Mantova, che non rispettarono il pagamento della fideiussione: dentro Triestina e Rende. Nel 2016 fecero una brutta fine Virtus Lanciano, Rimini, Pavia, Martina e Sporting Bellinzago (promosso dalla Serie D). Furono così ripescate un sacco di squadre tra cui il Fano che aveva vinto i playoff di D proprio a scapito della prima Fermana di Destro.

Nel 2015, a fronte dell’esclusione dal campionato di ben otto società per rinuncia, inadempienze amministrative e/o dissesto finanziario (Varese retrocesso dalla Serie B, Castiglione neopromosso dalla Serie D, Real Vicenza definitivamente sciolto, Unione Venezia, Monza, Grosseto, Reggina e Barletta ci fu spazio per Pordenone, AlbinoLeffe e Monopoli. Il calcioscommesse fermò inoltre Torres e Vigor Lamezia, con Pro Patria e Messina riammesse. Stessi discorsi, scivolando indietro, sino all’estate del 2007, l’ultimo “giugno-luglio” in cui in C filò tutto liscio.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS