Recanatese, altra serata da dimenticare

Carpani della Recanatese

SERIE C – Il Rimini passa al Tubaldi con un netto 4 a 1

di Andrea Verdolini

Anche i pochi che conservavano qualche remota illusione oggi l’hanno abbandonata del tutto vedendo l’ennesima indecorosa prestazione contro un Rimini tutt’altro che trascendentale. Adesso come adesso però agli avversari basta poco più del minimo sindacale per dominare una Recanatese assolutamente inesistente in difesa, di una fragilità spaventosa a centrocampo e totalmente sterile in attacco dove, complice l’assenza di Melchiorri, ci si affida alla generosità di Carpani e ad uno Sbaffo che predica nel deserto. Roba insomma da farti cadere le braccia tra una mediocrità tecnica spaventosa e paure ed assilli da lettino psicanalitico. Insomma una deriva tristissima e per quanto visto oggi irreversibile. L’inizio fa rivivere i soliti incubi e la Recanatese subisce l’ennesima rete su calcio d’angolo. Batte Megelaitis e stacca di testa in beata solitudine Garetto che insacca. Superato lo choc i giallorossi provano a reagire: ci prova dalla distanza Fiorini ma la palla lambisce il palo. Poco dopo arriva il pari: invenzione di Sbaffo che smarca sulla destra Lipari, traversone sul quale si avventa Carpani che con la complicità di un difensore batte Colombi. Il possesso palla è dei romagnoli che si fanno preferire mentre i padroni di casa si affidano ad infruttuosi lanci in avanti. Gigli abbandona per un problema all’adduttore, entra Gorelli, altrettanto esperto e nel finale arriva il vantaggio ospite propiziato da un’incursione di Tofanari, favorita da un’azione fallosa, palla in mezzo, incertezza di un difensore ed il baby Malagrida, ex Samp, trova l’angolo lontano con Meli incolpevole. Ripresa: Lamesta saggia subito i riflessi di Meli che si rifugia in corner. Ogni palla inattiva contro è una palpitazione poi ci si mette pure Rizzo al 7’ che appoggia in orizzontale inavvertitamente per Lamesta ma Morra davanti a Meli scarica una botta centrale respinta dal portiere. Per il tris c’è da aspettare poco: Raimo tiene in gioco gli attaccanti biancorossi, Garetto serve proprio Morra che stavolta non può sbagliare. E’ un massacro e Morra, nel primo tempo evanescente, si diverte e sigla una doppietta sfruttando al meglio una bella verticalizzazione di Lamesta. Il resto del tempo è garbage-time con il Rimini che ha almeno il buon gusto di non affondare il coltello nella piaga, Allievi che ammaina bandiera per infortunio ed un ultimo sussulto di Prisco con una sventola deviata in corner dall’inoperoso Colombo. Tutti nello spogliatoio a testa bassa: ogni volta si pensa di aver toccato il fondo ed invece nella partita successiva…è peggio.

RECANATESE (4-4-2) : Meli; Rizzo (15’st Pelamatti), Shiba (19’st Veltri), Allievi, Raimo; Lipari (15’st Mazia), Fiorini (26’st Prisco), Morrone (15’st Raparo), Carpani; Ahmetaj, Sbaffo All.G.Pagliari A disp.Mascolo, Gomez, Guidobaldi, Longobardi, Elbazar
RIMINI (4-3-3): Colombi; Tofanari, Pietrangeli, Gigli (34’pt Gorelli), Quacquarelli (1’st Semeraro); Megelaitis (21’st Sala), Langella, Garetto (31’Del Carro); Lamesta, Morra (31’st Ubaldi), Malagrida All. Troise A disp. Colombo, Iacoponi, Rosini, Leoncini, Lepri, De Lucci
Arbitro : Ursini di Pescara
Reti : 4’pt Garetto, 14’Carpani, 43’ Malagrida, 13’ e 27’st Morra
Note : Spettatori 453 (94 gli ospiti) Recupero 5’+5’ Angoli 6-10 ammoniti Allievi, Gigli, Megelaitis, Raparo

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS