Raparo inventa e segna, Minella c’è: Urbietis sfortunato ma decisivo

Marco Raparo, centrocampista Recanatese

PAGELLE RECANATESE – Sbaffo non perde il fiuto del gol, Minicucci è una furia: Defendi si presenta bene

Urbietis 6,5: Sfortunato in occasione dell’autogol, super su Braconi ed evita la seconda rete del pari. Le trasferte con la Nazionale non lo hanno affatto scalfito.

Somma 6: Gara non particolarmente impegnativa, perde Braconi nella ripresa e forse quell’errore poteva costar caro.

Pacciardi 6: Pochi patemi lì dietro e giornata di ordinaria amministrazione.

Ferrante 6: Esce solo per questioni di under in campo, metà gara senza macchie.

Dal 1’st Marafini 6: Sono altre le gare in cui si valuterà il suo potenziale, gioca con personalità.

Quacquarelli 6,5: Spinge e come se lo fa su quella fascia, la tanta voglia di far bene rende opaca anche qualche sbavatura.

Raparo 7: La scucchiaiata per Sbaffo vale già il prezzo del biglietto, poi concede la punizione che vale il momentaneo pari, ma si rifà alla grande chiudendo una grande azione da gol.

Sopranzetti 6: Corre, recupera e smista palloni. Gioca come fosse un veterano.

Dal 1’st Grieco 6,5: Con il suo ingresso la Recanatese spinge di più scodella palle pericolose e da una di esse nasce anche un gol.

Minicucci 7: Una furia sulla fascia, smazza assist ma si regala anche la gioia finale a tempo scaduto.

Sbaffo 6,5: Onnipresente su tutta la trequarti e anche in fase di ripiegamento, il fiuto del gol non manca mai.

Giampaolo 6,5: La gara dell’ex è sempre particolare, lui non ne risente e si spende tanto per i compagni.

Dal 17’st Senigagliesi 6: Tanta voglia di mettersi in mostra ma è ancora lontano dalla miglior condizione.

Minella 7: Minaccia costante in area di rigore, si rimbocca le maniche facendo anche a spallate tra le maglie biancoverdi. Gol meritato.

Dal 17’st Defendi 6: Si presenta con uno stop e tiro al volo sull’esterno della rete. Ci sarà tempo per vederlo crescere di condizione e d’intesa di gruppo.

All. Pagliari 6,5: La forma fisica migliore sta arrivando, ma il “suo” gioco è già ben impresso nella mente e nelle gambe dei suoi giocatori. Da qui si può solo migliorare e allora la curiosità aumenta.

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia