Ragazzina incastrata dall’amico: “Se non mi aiuti pubblico le tue foto hard”

Il minorenne è stato denunciato per tentata estorsione

Revenge porn. Si tratta della pratica di pubblicare in rete immagini sessualmente esplicite, senza il consenso del soggetto ritratto, che di solito è una donna, per “vendetta”. Protagonisti di questa spiacevole vicenda due minorenni della Valmusone.

Il ragazzino in questione si era scambiato delle foto sul cellulare con una coetanea, foto di nudo esplicito che sono diventate oggetto di minacce nel momento in cui la ragazzina si è rifiutata di fare un piacere all’amico. Alla fine è stato denunciato alla Procura dei minorenni per tentata estorsione: per fortuna oltre alle minacce non è andato: le foto che aveva ricevuto dall’amica non le ha poi diffuse evitando l’incriminazione per revenge porn. Anzi, dopo la messa alla prova con un percorso riabilitativo imposto dalla Procura minorile, il ragazzino si è chiarito con la vittima ed il reato è stato ritenuto estinto dal giudice.

 

La storia è stata raccontata, pur in maniera molto generica, nell’incontro che si è svolto martedì al PalaBellini di Osimo. Gli avvocati Donatella Baleani, Paolo Mengoni e Andrea Nobili hanno parlato alle classi di terza media di bullismo e cyberbullismo portando come esempi casi concreti che hanno seguito come legali.

Giada Berdini
Author: Giada Berdini

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS