“Il pupazzetto è razzista”: e scoppia la polemica sugli ovetti Kinder

li ovetti Kinder nella bufera per una sorpresa, al loro interno, decisamente surreale. La polemica non è nata negli Stati Uniti, dove dopo diversi anni di messa al bando, da qualche tempo gli ovetti prodotti dalla Ferrero vengono venduti senza le sorprese al loro interno, ma è senza dubbio qui che è destinata ad alimentarsi.

Tutto è iniziato con un pupazzetto in plastica a forma di ovetto Kinder, distribuito in tutto il mondo dentro la classica scatolina dal colore del tuorlo. Un prodotto che di fatto pubblicizza uno dei prodotti di punta della Ferrero, e che ha accompagnato l’infanzia, ma non solo, di tantissime generazioni. Eppure, quel giocattolino ha due particolarità che hanno a che fare con gli Stati Uniti, ma che sono state notate solo nel resto del mondo, dove l’ovetto Kinder contiene al suo interno la sorpresa.

L’attenzione si sposta quasi immediatamente sui tre palloncini, ognuno dei quali riporta la lettera K. La tripla K, negli Stati Uniti come in tutto il mondo, è l’abbreviazione del Ku Klux Klan, la violenta organizzazione di suprematisti bianchi che ha contraddistinto l’ultimo secolo e mezzo della storia americana. Anche al di fuori degli States, la tripla K nell’immaginario collettivo ha sempre riportato al Ku Klux Klan, ed è anche per questo che le prime segnalazioni di questa sorpresa giudicata forse erronaemente come ‘razzista’, ma quantomeno surreale e controversa, sono giunte dai posti più disparati del mondo (Russia, Israele e Australia in primis, come testimoniano le denunce di alcuni utenti sui social).

A rendere ulteriormente surreale la sorpresa incriminata degli ovetti Kinder c’è anche un altro dettaglio, un po’ comico e grottesco. Il pupazzetto a forma di ovetto Kinder ha infatti un vistoso ciuffo biondo, che non può non ricordare la chioma del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Anche se negli Usa non è possibile trovare questa sorpresa, non mancano le polemiche. C’è chi accusa la Kinder di aver distribuito un prodotto che istiga al razzismo, chi invece sostiene si tratti di un messaggio subliminale proprio contro il numero uno della Casa Bianca, che viene accostato ai suprematisti bianchi.

Alessandro Molinari
Author: Alessandro Molinari

Sono un amministratore

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS