Protti e la Fermana, storia d’amore rovinata da una questione di soldi

SERIE C – La curva in rotta con il mister, nel mirino lo sbandierato sentimento forte ma quelle dimissioni che non arrivano: il club non può esonerarlo per motivi economici

Protti e la Fermana sempre più lontani (leggi il precedente focus). Anche i rappresentanti della curva hanno scaricato il mister di Santarcangelo chiedendo a gran voce che il buon Stefano dimostrasse, forse per l’ultima volta, quell’amore sempre sbandierato per questi colori. Dopo il pareggio-beffa con l’Olbia, i delegati del tifo organizzato si sono confrontati in modo vigoroso con il tecnico. Ora non si parla di società, si parla di campo. Di ciò che non sta riuscendo al buon Stefano. Sabato sera, dopo la partita, i supporters hanno recapitato al mister un messaggio chiaro, quello di salutare la Fermana per il bene collettivo, stralciando il contratto venendo incontro ad un club che non può permettersi di esonerarlo.

Protti, però, non si è mostrato così convinto – per usare un eufemismo – ma anzi avrebbe chiesto un incontro chiarificatore, per scusarsi di alcune recenti dichiarazioni e ricomporre la frattura. Domenica mattina, al campo, durante la ripresa degli allenamenti, però, i tifosi hanno soltanto ribadito il concetto: “Se è vero che ami la Fermana, rinuncia ai soldi. Salutiamoci qui…”. A quanto pare, dunque, pure il popolo – o parte di esso – ha messo spalle al muro l’ex eroe del 1996, quello che portò i canarini in C1 trascinandoli da capitano e a suon di gol. Lo stesso che lo scorso anno, da allenatore, aveva mostrato discrete cose alla guida dei canarini ripescati in Lega Pro. Ma, si sa, le cose belle son destinate a non durare.

Che Protti sia sotto inchiesta da settimane era assodato, con uno spogliatoio che non lo gradiva più sin dal post Vis Pesaro – formazione completamente sballata – e con una società – ma davvero la società è ancora Tubaldi? – intenzionata a metterlo in discussione ma senza avere il denaro per indennizzarlo. Per questo il ds Massimo Andreatini ha provato sempre a ricomporre le questioni fin quando ha potuto. Domani mattina – lunedì – è in programma un vertice tra Protti e qualcuno del club, immaginabile che ci sia il presidente Gianfilippo Simoni. E la partita, purtroppo per tutti, è solo economica. Quei soldi che stanno offuscando l’amore sempre sbandierato. Protti ha la calcolatrice in tasca e il commercialista di fiducia a disposizione, ma potrebbe semplicemente uscirne da signore trattando una buonuscita credibile, lontana da quel gruzzolo che incasserebbe da fino alla fine. Farebbe del bene alla Fermana. E soddisferebbe la curiosità di tutti noi: davvero questi calciatori, con un allenatore diverso, sarebbero in grado di salvarsi? La palla, una volta per tutte, passerebbe davvero a loro che già non si trovarono con Bruniera ed ora, anche con Protti, di certo non stanno brillando.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS