Primarie Fano, si vota la prima domenica di aprile

Il 7 aprile è la data scelta dei candidati per le proprie primarie. A voler essere i predecessori del Sindaco Seri sono tutti assessori dell’attuale Giunta, Samuele Mascarin (In Comune), Cora Fattori (+Europa), Cristian Fanesi (Partito Democratico) ed Etienn Lucarelli (in rappresentanza delle liste civiche).

Il primo ad intervenire è stato il segretario Pd di Fano, Renato Claudio Minardi, il quale ha sottolineato come sia un’opportunità importante per i cittadini, scegliere un loro candidato tra i 4 che godono di maggior fiducia. Inoltre continua marcando la ricorrenza che c’è a Fano delle primarie, infatti lo stesso sindaco Seri fu scelto così nel 2014. Nel discorso, non lascia andare le parole nei confronti del centrodestra, soprattutto per la modalità di scelta del candidato a Sindaco, che definisce quasi “segreta” ed occulta.

Durante la presentazione delle primarie, tenutasi mercoledì mattina al ‘Dacsì’ di Piazza XX Settembre, hanno poi preso la parola i diversi candidati. Non a mancare è l’emozione tra i candidati, soprattutto per Mascarin, promotore delle primarie e di una Fano più aperta, curiosa ed europea.

Cora Fattori sottolinea il loro approccio mentale, che induce a crescere, ascoltare, rispettare, per poi far adottare strategie concrete per unirsi con altre città e territori. Mentre Fanesi ha sostenuto che il lavoro svolto finora possiede il merito di essere confermato. Lucarelli, invece rammenda la lontananza dai progressisti con le liste di centrosinistra. Non nasconde che questa attesa delle primarie non abbia caricato il gruppo “a molla” e che quindi siano pronti ad affrontare il centrodestra in gruppo, vinca chi vinca.

Le modalità e regole di voto non sono state precisate, il sentimento è che siano uguali alle scorse primarie, in cui vince il candidato che raggiunge almeno il 40 per cento delle preferenze a 5 punti di distacco dal secondo. Altrimenti si va al ballottaggio.
Per quanto riguarda i progressisti, Marchegiani è il candidato da Giovedì scorso.

Giacomo Ruffini
Author: Giacomo Ruffini

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS