Prestiti d’usura fino al 105%, movimenti di denaro per oltre 800mila euro: arrestato un 39enne

Indagata una seconda persona che riscuoteva a domicilio le rate in scadenza

I finanzieri del Comando Provinciale di Pesaro, unitamente a personale della Questura di Pesaro, nell’ambito di una operazione di polizia giudiziaria congiunta, hanno eseguito una ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 39enne, residente nella provincia di Pesaro. L’uomo regolarmente sul territorio varie attività imprenditoriali, ma parallelamente aveva avviato, da alcuni anni, un giro vorticoso di prestiti di denaro, alcuni dei quali a tassi usurari, nel quale erano caduti numerose persone.

La complessa ed articolata attività di indagine svolta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza e dalla Squadra Mobile di Pesaro trae origine da una perquisizione svolta nel mese di luglio 2022 nel corso della quale era stata sottoposta a sequestro numerosa documentazione bancaria e finanziaria. I finanzieri sono riusciti a ricostruire il volume di denaro che ha movimentato il soggetto, mettendo in luce complessivamente circa 300 operazioni di prestito svolte nei confronti di circa 280 soggetti diversi, per un importo complessivo di circa 800.000 euro, con compensi pattuiti per l’intermediazione e compensi di tipo usurario richiesti a 3 soggetti.
In particolare l’uomo utilizzava una modulistica prestampata e dedicata all’abusiva attività finanziaria che di fatto consentiva di censire ogni prestito concesso attraverso la creazione di fascicoli numerati tipo “scheda cliente”, all’interno dei quali sono stati rinvenuti anche dei titoli di credito trattenuti a titolo di “garanzia” sul prestito concesso (assegni bancari e cambiali) indicanti importi vari di diverse migliaia di euro. Inoltre sono state rinvenute delle stampe denominate “pieni di rientro” che esplicitano le modalità di pagamento delle rate con date, importi e capitale residuo, nonché dichiarazioni sottoscritte di “promessa di pagamento e ricognizione di debito“.

Inoltre sono state raccolte dichiarazioni rese dai c.d. “clienti” identificati che hanno confermato l’abusiva attività finanziaria e, in alcuni casi, la condotta usuraria dell’indagato che risulta aver applicato interessi fino al 105%.
E’ emerso anche che l’arrestato esercitava una vera e propria offerta di prestiti in denaro di sua iniziativa ai soggetti in stato di bisogno e necessità, pretendendo interessi a tasso diversificato, esigendo nel contempo anche garanzie, quali cambiali e assegni bancari in bianco. Nell’inchiesta vi è un secondo indagato che si è occupato della riscossione “a domicilio” delle rate dei prestiti in scadenza.

L’illecita attività svolta dall’uomo, effettuata in spregio anche alla normativa antiriciclaggio, è stata resa possibile dall’ingente ed immediata disponibilità di denaro contante dimostrata dall’indagato, in relazione alla quale sono in corso specifici approfondimenti.
Contestualmente all’esecuzione dell’arresto sono state effettuate varie perquisizioni nei luoghi nella disponibilità dei due indagati che hanno consentito il sequestro di ulteriore materiale probatorio utile per il prosieguo delle indagini, nonché è stato sottoposto a sequestro probatorio l’importo di 1.100 euro, potenziale profitto dei reati contestati.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS