Post-sisma: si va verso la proroga dello stato di emergenza fino al 2024

Riunione tra i rappresentanti Anci, il commissario straordinario e il capo della Protezione Civile

I rappresentanti dell’Anci di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, il commissario straordinario alla ricostruzione, Piero Farabollini, e il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli. Sono i soggetti che si sono riuniti intorno ad un tavolo per tornare a parlare di post-sisma e delle necessità dei territori colpiti dai terremoti di tre anni fa.

La ricostruzione, è noto, fa fatica ad avviarsi nei modi e con i ritmi che si dovrebbero e l’impressione è che, di fatto, si sia ancora in piena emergenza. Tanto che sul tavolo c’è la proposta di prorogare lo stato di emergenza almeno fino al 2024 che, tradotto in termini spiccioli per i terremotati, significherebbe almeno mantenere un minimo di ossigeno attraverso il Contributo di Autonoma Sistemazione, che altrimenti rischierebbe di scomparire già alla fine di quest’anno.

Poco, pochissimo, se si considera che sono passati tre anni e che si contano in poche decine quei proprietari di case danneggiate che hanno potuto ritrovare la vita di sempre e procedere alla sistemazione delle loro abitazioni. Ci sono ancora cittadine completamente chiuse e dichiarate zona rossa e la scelta di prorogare lo stato di emergenza ha più il sapore della volontà di mantenere in vita un moribondo, piuttosto che della volontà di curarlo una volta per tutte.

Anche la richiesta avanzata dal presidente della Regione Marche, Ceriscioli, di individuare proprio nei governatori i commissari regionali non è destinata a trovare futuro, almeno fino a indicazioni differenti da parte del Governo centrale. Espressa, invece, la volontà di superare il Decreto 189, con modifiche normative che dovrebbero consentire lo snellimento dei percorsi burocratici.

Giada Berdini
Author: Giada Berdini

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS