Porto D’Ascoli, D’Alessandro squalificato? Ci pensa Rossi: assist al miele e rigore procurato

SERIE D – Gioiello per Napolano e penalty: il centrocampista è stato un sostituto all’altezza

Erano tutti preoccupati in casa Porto D’Ascoli. Giocare lo storico derby contro la Sambenedettese senza D’Alessandro, uomo chiave del centrocampo di Ciampelli, non sarebbe stato facile. Come si fa? Si punta sul gruppo ovviamente. E quando si fa così vengono esaltati anche le abilità del singolo.

E’ proprio il caso di Luca Rossi, centrocampista classe 1994 messo “lì nel mezzo”, come cantava Ligabue, per essere un “D’Alessandro”. Almeno solo nei numeri e nella posizione, quel centrale di centrocampo che adatta con i tempi giusti il 4-3-3 della sua squadra in un 4-1-4-1 in fase di non possesso, particolarità difensiva sempre precisa negli uomini di Ciampelli sin dallo scorso campionato. Misure, distanze, sacrificio per una scelta parecchio azzeccata.

Rossi non ha disdegnato l’essere offensivo e giocare come sa, adattando le sue caratteristiche al ruolo. Prima sforna l’assist-cioccolatino a Napolano che poi fa la cosa più naturale di questo mondo, segnare, poi si guadagna anche il calcio di rigore da cui è scaturito il gol di Battista. Una giornata davvero speciale, seppur lontano dai riflettori, per Rossi e il suo dover non far rimpiangere uno come D’Alessandro.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi