Pokerissimo Matelica, Fermana schiacciata

SERIE C – Leonetti-Moretti-Volpicelli immarcabili, i gialloblu in piena emergenza ma troppo brutti per essere veri

Mamma mia come viaggia il tridente del Matelica. Sembra una filastrocca. Leonetti, Moretti, Volpicelli. Volpicelli, Leonetti, Moretti. Semplicemente immarcabili anche contro la Fermana, come già era capitato altre volte in stagione. Statistiche offensive impressionanti per l’attacco di Colavitto che all’Helvia Recina ha pompato le statistiche distruggendo gli ospiti già nel primo tempo: 4 a 1 all’intervallo, nel secondo tempo arriverà il pokerissimo.

 

Doppietta per il barese (12), tap in del teramano (10), doppietta pure per l’ex Samb di cui uno su rigore (12), senza paura nemmeno davanti al para-penalty Ginestra. Al thè la partita era finita. Un tridente così, nemmeno il Padova: 34 gol in tre, avete capito bene. La stanca e deperita Fermana, però, è stata la giusta sparring partner affinché filasse tutto liscio. Difesa da “Nuovi Mostri” come mai era capitato con Cornacchini, errori di reparto e individuali, ingenuità colossali, nonostante sul momentaneo 2-1 i canarini avevano anche annusato il pari.

Gara frenetica e veloce, squadre spaccatissime, soprattutto il Matelica: la filosofia di Colavitto (tutti all’attacco) è rischiosa ma funziona. Pronti-via e Volpicelli con un tocco felpato ha mandato al bar il terzino adattato Bonetto porgendo poi a Leonetti il pallone da depositare in porta dopo aver scartato Ginestra. In costruzione, se vogliamo trovare una pecca, i biancorossi sembrano un po’ presuntuosi e all’8′ D’Anna raccoglie un regalo di Pizzutelli da far scartare a Cais: in area l’ex Carrarese è implacabile per l’1-1 (primo gol con la nuova maglia).

Poi, però, il regalo (un altro) lo fa la Fermana: punizione da zona centrale, torre di De Santis (ma davvero a marcarlo c’era Neglia???) e gol di Moretti: 2-1 quando non son passati nemmeno 10′. Se il Matelica continua a sfondare in 6 o 7 uomini, la Fermana di spazi ne ha a chilate e infatti D’Anna arriva al tiro più d’una volta pregustandosi un 2-2 che mai ingoierà. Ma anzi la partita terminerà lì, sulla parata di Cardinali col brivido (presa saponata dopo uno schema da punizione).

Perchè poi il Matelica dilaga. Grbac (aveva rilevato lo squalificato Graziano) e Bonetto la fanno grossa in area, Tofanari ne approfitta e lo stesso Bonetto ci mette il piede: quel che basta per il rigore di Volpicelli a spiazzare Ginestra. 3-1 al 34′, che diventano 4 pochi secondi prima del duplice fischio. Pizzutelli per la profondità di Leonetti che da posizione impossibile realizza di mancino con la complicità di Ginestra.

No, non era la giornata giusta per la Fermana, martoriata da assenze e squalifiche (fuori Sperotto, Mordini, Boateng e soprattutto Cognigni). Il Matelica, invece, non si è fermato. E nella ripresa ha più volte sfiorato il pokerissimo, sin quando Volpicelli ha deciso che era ora: rientro su Scrosta, mancino preciso e Ginestra battuto per la quinta volta al 70′. A 5′ dalla fine Moretti ha sfiorato il sesto gol. Nelle ultime sei gare i matelicesi hanno raccolto 16 punti su 18. I playoff sono lì. La Fermana, invece, dovrà ancora soffrire per centrare una salvezza che è comunque dietro l’angolo.

Il tabellino

MATELICA – FERMANA 5 – 1

MATELICA (4-3-3) Cardinali; Tofanari (26’st Fracassini), De Santis, Magri, Di Renzo; Calcagni, Mbaye, Pizzutelli (20’st Bordo); Volpicelli (26’st Peroni), Moretti (43’st Santamarianova), Leonetti (26’st Franchi) (A disp: Vitali, Martorel, Zigrossi, Maurizii, Barbarossa, Alberti). All: Colavitto.

FERMANA (4-4-2) Ginestra; Mosti, Manetta, Scrosta, Bonetto (1’st Rossoni); Iotti (9’st Fabris), Urbinati, Grbac (9’st Grossi), Neglia (26’st Palmieri); D’Anna (26’st Cremona), Cais. (A disp: Massolo, Colombo, Manzi, Kasa). All: Cornacchini.

ARBITRO Calzavara di Varese.

RETI 4’pt Leonetti, 8’pt Cais, 10’pt Moretti, 34’pt Volpicelli su rigore, 46’pt Leonetti, 26’st Volpicelli.
NOTE ammoniti Tofanari, De Santis; angoli 1-3; recupero 1’+1′; gara a porte chiuse.

(foto di Gianmaria Matteucci)

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia