Playout Fano-Castelfidardo, in palio c’è la salvezza: le ultime su assenze, rientri e dubbi

Un allenamento del Castelfidardo

SERIE D – Mister Catalano ritrova a sorpresa Trillò, possibile cambio tra i pali per il tecnico biancoverde con Demalija a mezzo servizio

Partita verità al Mancini di Fano. Si gioca per restare in serie D e al triplice fischio una delle due marchigiane dovrà dire addio alla quarta serie e scendere in Eccellenza. Questo e molto altro è Fano-Castelfidardo, sfida play out in programma domani (domenica) con fischio d’inizio alle ore 16.

Entrambi gli allenatori questa mattina hanno svolto le rispettive rifiniture per arrivare nel miglior modo possibile alla sfida e con qualche dubbio in meno. In casa Fano mister Catalano, come ben noto, dovrà fare a meno di bomber Tortori davanti che dovrà scontare l’ultima delle due giornate di squalifica, mentre rientra Likaxhiu a centrocampo. Sarà out Ricci mentre Casolla è in forse. Grossi dubbi c’erano anche sulla presenza di Trillò, mentre a sorpresa ha svolto la rifinitura con tutto il gruppo quindi sarà una carta preziosa per mister Catalano da poter utilizzare in questo delicato play out.

Diversi dubbi ne ha mister Piccioni che davanti dovrà fare a meno di Cardinali, così come non sarà del match nemmeno Mataloni. Il grande punto interrogativo è tra i pali. Demalija non è al top e al suo posto dal primo minuto potrebbe giocare Palombo. Sarebbe un cambio importante anche in chiave under essendo Palombo un classe ’99. Dovesse essere questa la soluzione ecco quindi che la difesa potrebbe vedere sulle fasce i due 2003 Murati e Baldoni, al centro invece vicino a Barabiglia potrebbe ripartire dal primo minuto Gega che sembra essere tornato abile e arruolabile.

Il Castelfidardo venderà cara la pelle per mantenere la categoria, ma non sarà facile in quel di Fano. I favori dei pronostici pendono tutti in favore dei padroni di casa che hanno un doppio risultato da difendere nell’arco dei 90 minuti (se necessari ulteriori 30) nonché un prezioso fattore campo da sfruttare. E poi ci sono i due precedenti in campionato con il Fano che ha sempre battuto (2-1 all’andata e 1-0 al ritorno) il Castelfidardo che a sua volta non batte i granata in gare ufficiali

 

 

prevedenti: 0-1 e 2-1

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana