Pioraco, la città della carta e dell’acqua

Situato lungo il fiume Potenza nel maceratese

Incastonato in mezzo a tre monti che lo sovrastano, Pioraco si apre a ponente sulla vallata del fiume Potenza ed è conosciuto per la fabbricazione della carta. Il paese è diventato luogo principale per la lavorazione della carta a partire dal Medioevo sotto il Ducato dei Da Varano di Camerino e ancora oggi le sue cartiere sono un’attività economica che lo contraddistingue.

Da vedere la chiesa di San Francesco, il convento francescano (ora sede comunale), il museo della Carta e della Filigrana e le singolari “Gualchiera Prolaquense!, dove si potrà assistere ad una dimostrazione della fabbricazione della carta a mano. Il suo territorio è ricco di sentieri pedonali e ciclabili dove è possibile scrutare le bellezze naturalistiche come il sentiero “Li Vurgacci” o il sentiero che conduce all’antico lavatoio sul fiume Scarsito.

Il sentiero, percorribile da aprile a ottobre, si sviluppa attraverso una serie di passerelle in legno per addentrarsi poi nelle suggestive cascate, nei vortici, nei resti romani e nelle grotte sotterranee (quest’ultime percorribile solo dagli speleologici). Il sentiero, con partenza dal centro storico di Pioraco, è lungo circa 500 metri e con un tempo di percorrenza di un’ora a piedi. Ma il sentiero Li Vurgacci è rinomato soprattutto per la Fossa dei Mostri, una serie di enormi facce mostruose scolpite sulla roccia dallo scultore locale Antonio Ciccarelli. Lungo il percorso sono presenti anche alcune aree di sosta e area picnic.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS