Pini di via Moretti instabili? Il Comune avvia uno studio per valutare la sicurezza

Intanto è stato pubblicato il bando per completare la ciclabile a sbalzo sull’Albula

Uno studio sulla sicurezza dei pini di via Gino Moretti a San Benedetto del Tronto è in corso nel settore Lavori pubblici del Municipio di viale De Gasperi. E’ stato sollecitato dal vice sindaco e assessore Tonino Capriotti, a margine della realizzazione della pista ciclabile a sbalzo sul torrente Albula. Via Moretti costeggia la sponda nord del torrente.

I pini hanno tenuto banco per alcuni anni sulle cronache locali tra quanti erano per la conservazione e quelli che chiedevano di abbatterli. Le radici hanno creato dossi e avvallamenti sull’asfalto diventando problematiche per le automobili. Ma c’è soprattutto il problema della stabilità, in quanto sono sorretti da radici che corrono poco al di sotto della superficie stradale. Gli alberi furono abbattuti nel segmento tra la Statale 16 e via Toscana, al loro posto furono piantumati i bagolari. Poi intervenne la Soprintendenza delle Marche che vietò la rimozione dei pini rimasti lungo via Moretti. Sono a rischio caduta? La risposta la darà lo studio in fase di redazione.

La ciclabile è stata completata nel trattato che va dal Ponte Rotto fino a via Toscana. Attualmente sono in corso i lavori del secondo stralcio: da via Toscana a viale De Gasperi. “L’intervento terminerà a fine dicembre”, assicura il vice sindaco Capriotti. Intanto il Comune ha pubblicato il bando per il terzo stralcio dell’opera, quello compreso tra viale De Gasperi e via Piemonte. Per l’intervento sono stati stanziati 320mila euro. Le imprese devono presentare le candidature entro due settimane e altri dieci giorni per il deposito delle offerte. Un’apposita commissione interna sceglierà la ditta a cui affidare i lavori, in base all’offerta più bassa.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana