Piergiacomi rischia di nuovo il carcere: il signore delle truffe non rispetta i domiciliari

Non ha rispettato l'obbligo di dimora notturna per ben due volte in un mese

Marco Piergiacomi, il 41enne di Osimo conosciuto per le truffe delle case fantasma tra Ancona e Macerata, rischia di nuovo il carcere per non aver rispettato l’obbligo di dimora notturna.

La storia di Piergiacomi è finita su un servizio de Le Iene, che dopo essere state contattate da alcune vittime, sono andate a chiedere spiegazioni.
L’uomo aveva collezionato più di 100 denunce per aver truffato centinaia di persone proponendo su internet degli appartamenti finti in affitto. Agiva sempre nello stesso modo: inseriva nei siti immobiliari annunci di appartamenti, mettendo foto a caso; le vittime si limitavano a vedere la casa on line e una volta convinte, Piergiacomi chiedeva soltanto una mensilità di anticipo tramite bonifico o vaglia postale. Dopo 24 ore dal versamento dell’anticipo, il 41enne scompariva. A fermarlo non sono bastate le 100 denunce a suo carico, continuava a pubblicare gli annunci per truffare la gente.

Il 10 giugno scorso i carabinieri di Osimo erano riusciti ad arrestarlo in seguito alla violazione degli obblighi imposti con la misura di prevenzione della sorveglianza speciale che gli impediva di uscire di casa in orario notturno. Tuttavia, questo non è bastato. Piergiacomi rischia di nuovo di tornare in carcere per non essere stato trovato in casa per ben due volte negli orari previsti dal provvedimento. L’ultimo episodio il 13 febbraio all’1.30 di notte, quando i carabinieri del Norm sono andati a suonare al suo campanello ma non ha risposto nessuno.

Ai militari il 41enne ha poi raccontato di essere stato dalla fidanzata, come la volta precedente. Insomma, un recidivo delle truffe, ma anche delle fughe notturne. Piergiacomi è stato denunciato per violazione dei domiciliari, inflitta dal tribunale di Ancona, ed ora rischia di finire di nuovo in carcere.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia