Pesca di frodo: sequestrati 750 chili di vongole

Al trasgressore sono state elevate 4 sanzioni amministrative per un totale di 8.000 euro

Nella mattinata di oggi (31 ottobre) i militari della Guardia Costiera di Ancona hanno provveduto al sequestro di circa 750 chili di vongole (denominazione scientifica Chamelea gallina), irregolarmente pescate e trasbordate dalla motobarca che le aveva catturate ad un furgone per la successiva vendita, presumibilmente rivolta a mercati paralleli esterni all’ambito regionale, eludendo in tal modo i sistemi di controllo sanitari e di preservazione della specie ittica.

Al trasgressore sono state elevate 4 sanzioni amministrative per un totale di 8.000 euro e l’intero pescato è stato sequestrato.

Il prodotto ittico, dichiarato vivo e vitale dai veterinari dell’ASUR Marche, intervenuti su richiesta dei militari, è stato tempestivamente rigettato in mare mediante il personale della motovedetta CP 861.

Il risultato conseguito dal personale della Guardia Costiera anconetana, è frutto di una costante attività investigativa volta a debellare la pesca abusiva ed il commercio illegale di prodotto ittico, al fine di assicurare il rispetto delle norme in materia di pesca e rintracciabilità del prodotto, garantendo, al contempo, la salvaguardia della salute pubblica e dell’intero ecosistema marino.

error: Contenuto protetto !!