Pergola, al via la mostra”Storie tra il cielo e il mare”

Il Comune per questa settimana capitale della cultura. Resterà aperta fino al 2 giugno presso Casa Sponge

Da Urbino a Pergola fino a coinvolgere tutto il territorio seguendo l’onda blu, il colore della cuccagna. Il progetto partito lo scorso 12 febbraio coinvolge il Comune per questa settimana capitale della cultura, e fa un preciso riferimento alla pianta Isatis tinctoria tipica dell’area conosciuta come ‘guado’. Collocata nella sezione della ‘natura operosa’ della cultura, l’iniziativa a cura dell’artista Giovanni Gaggia attribuisce a questa tinta un inestimabile valore, sottolineando il suo profondo legame storico con l’ambito dell’arte e della produzione artigianale.

Oggi al Museo si inaugurerà la mostra “Storie tra il cielo e il mare”, che resterà aperta fino al 2 giugno presso Casa Sponge, a Pergola, a cura di Stefano Verri, un progetto che racconta storie di natura e paesaggio. Racconti che si concretizzano nelle suggestioni delle opere di artisti che rielaborano il proprio rapporto con ciò che li circonda attraverso personali matrici concettuali.

“Espongono quattro artisti che vivono tra le province di Pesaro Urbino e Ancona e si occupano di pittura, video e scultura. Il nostro paesaggio è fonte di ispirazione”, afferma Giovanni Gaggia, che vive proprio a Casa Sponge, artist-run space, una residenza d’artista che fa parte dei “Luoghi del Contemporaneo” del Ministero della Cultura Italiana. E’ un posto dove meditare, studiare e riposare, una casa dedicata all’arte contemporanea aperta al viaggiatore. Sorge nei pressi del minuscolo borgo di Mezzanotte, a due passi da Pergola, circondata da querce e campi coltivati, da cui vedere le sommità del Catria e del Nerone. “E’ la prima residenza di artisti nella regione ed è aperta dal 2006. Si lavora insieme per creare qualcosa di nuovo per immaginarsi un futuro migliore”, riprende e conclude Gaggia.

Tanti gli eventi e anche le creazioni artistiche, pure permanenti, all’insegna del filo blu. Come la linea dei vasi blu, che va da Casa Sponge fino al Museo dei Bronzi dorati, attraverso il quartiere delle tinte. Lì c’è una installazione più speciale delle altre, un vaso che ricorda l’alluvione che fu, nel 2022.

Camilla Cataldo
Author: Camilla Cataldo

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS