Panchina rossa danneggiata, il sindaco: “Subito indagini, ma maggiore senso civico”

Era stata inaugurata nel 2018 donata dal Comitato Abitanti del centro storico alla città

Danneggiata la panchina rossa simbolo della violenza delle donne. E’ successo a Jesi, in piazzale Sansovino, dove dal 2018 è stata inaugurata la panchina rossa oramai distrutta. A farlo sapere sono stati i residenti riuniti nel Comitato Abitanti del centro storico, che aveva donato la panchina alla città jesina. Un atto vandalico? Oppure un deterioramento del legno?

Dopo la rabbia dei cittadini per il danneggiamento, è intervenuto il sindaco Lorenzo Fiordelmondo. “Non sappiamo se la panchina rossa di Piazzale Sansovino, simbolo contro la violenza sulle donne, sia ridotta in queste condizioni per atti vandalici o perché il materiale di legno abbia ceduto nel tempo. Quale che sia la
motivazione, di fondo, c’è che tutti (Comune e cittadini) sono chiamati ad avere cura e rispetto del bene pubblico e dei beni pubblici che fanno parte del nostro essere comunità” – spiega il sindaco Lorenzo Fiordelmondo dopo aver appreso delle condizioni in cui versa la panchina, simbolo di un tema fortemente attuale.

“Daremo spinta ad una maggiore cura e manutenzione da parte degli addetti comunali – ha aggiunto il primo cittadino – ma ci tengo a dire in modo molto chiaro che ho chiesto un immediato supporto alle forze competenti per una azione che possa aiutarci sia a prevenire atti teppistici sia a dare luogo a tutta l’attività di necessaria indagine e controllo sull’accaduto.

“Sta prima di tutto ad ogni cittadino e cittadina di Jesi – conclude – nessuno escluso, sentirsi coinvolto in prima persona e dare così l’esempio. In questa ottica il coinvolgimento del mondo della scuola, con cui ho ritenuto importante mantenere un puntuale confronto con visite periodiche, potrà contribuire a formare nei nostri giovani quel senso civico che li renda protagonisti attivi e propositivi nel nostro tessuto sociale”.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS