Pacciardi: “Io e la Recanatese stesse ambizioni”

Federico Pacciardi

SERIE D – Il difensore classe ’95 ci crede: “Buone sensazioni, maggior consapevolezza dopo la vittoria col Castelfidardo”

Gambe a mollo in mare e recupero sia fisico che mentale in spiaggia approfittando di un’estate che non sembra voler cessare. Così Federico Pacciardi ha trascorso il lunedì di riposo dopo le prime vere fatiche in partita accumulate nel match di coppa vinto dalla Recanatese contro il Castelfidardo.

Il Pagliari pensiero ormai si sta insinuando in profondità di ogni singolo elemento, per un gioco veloce e fatto di rapide verticalizzazioni sfruttando soprattutto le fasce per poi colpire. Una manovra che parte da dietro e lì Pacciardi si è subito trovato a suo agio. Nei novanta minuti ha fatto prima coppia con Ferrante al centro della difesa e poi con Marafini. “L’intesa e il gioco stanno crescendo – afferma il difensore – ma dobbiamo ancora lavorare parecchio. E’ stata una partita contro un avversario di categoria e le prime risposte positive sono sicuramente arrivate. La vittoria ci dà ulteriori consapevolezze in vista dell’esordio di domenica contro il Tolentino”.

Per il difensore classe ’95 Recanati e la Recanatese significano tanto. “Sono in un club che aspira a fare grandi cose e questo mi stimola moltissimo. Lo scorso anno sono ripartito da un progetto meno ambizioso e pian piano voglio cercare di tornare ai livelli che mi spettano. La Recanatese credo possa essere l’ambiente ideale che faccia al caso mio. Le sensazioni sono positive e non vedo l’ora che possano tramutarsi in realtà sul campo”.

Nel pomeriggio di nuovo tutta la Recanatese al lavoro in vista dell’esordio col Tolentino. Pagliari dovrà fare i conti con alcuni acciacchi che vedono coinvolti su tutti Gomez e Guercio, e quelli dell’ultim’ora di Remo Amadio.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia