Otto cellulari nel pacco per un detenuto del reparto di alta sicurezza

La scoperta della Polizia penitenziaria

Otto cellulari nascosti in un pacco postale destinato ad un detenuto siciliano a Marino del Tronto. Lo ha scoperto ieri mattina nel carcere di Ascoli Piceno, la Polizia penitenziaria, comandata dal primo dirigente Pio Mancini.

Grazie ad una brillante intuizione sono stati trovati ben celati in un pacco postale destinato al detenuto nel reparto di alta sicurezza dell’istituto, quattro smartphone e altrettanti micro-cellulari, oltre a quattro schede tim e quattro cavetti Usb. Il detenuto è stato denunciato.
Considerando l’accaduto, il segretario regionale Uilpa Polizia Penitenziaria Marche Leonardo Rago, ricorda che “questo non è che l’ennesimo, quasi quotidiano, tentativo di introdurre all’interno di un carcere generi o sostanze non consentite e che tutto ciò che permette di garantire l’ordine e la sicurezza all’interno degli Istituti è opera della professionalità’ e del senso del dovere che da sempre contraddistingue le donne e gli uomini del Corpo di Polizia penitenziaria, – conclude – costretti ad operare in ambienti sempre più ostili e pericolosi, ma purtroppo sempre più ‘dimenticati’ dalle Istituzioni“.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS