Ospedale Tolentino sarà interamente ricostruito

Progetto da 16 mln euro, erogherà stessi servizi

L’ospedale di Tolentino, fortemente danneggiato dal sisma del 2016, sarà abbattuto e totalmente ricostruito. Il progetto esecutivo, che prevede un impegno di spesa di 16 milioni di euro, sarà pronto entro marzo, ma stamane è stato anticipato, nel corso di una conferenza stampa, dal sindaco Giuseppe Pezzanesi, dall’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini e dall’ingegnere Fulvia Dini, dell’Ufficio tecnico dell’Asur Area Vasta 3.

“Terminato il progetto si avvieranno tutte le procedure per indire la gara, se tutto andrà bene a ottobre inizierà la demolizione per poi procedere alla ricostruzione”, ha spiegato Pezzanesi. Che ha aggiunto: “Contiamo di terminarlo in due anni e mezzo”. “La nuova struttura – hanno detto sindaco e assessore regionale – vedrà la conferma di tutti i servizi sanitari finora erogati tra cui il punto di primo intervento e il reparto dialisi, oltre a tutti gli ambulatori”. Il nuovo “Ss Salvatore” potrà contare anche su 50 posti per la lungodegenza con linee di ossigeno che consentiranno la cura di tutte le patologie intermedie.

“Ovviamente la nuova struttura sarà completamente antisismica e dotata di impianti antincendio, una delle più innovative delle Marche”, ha sottolineato Saltamartini. Durante i lavori resterà funzionante, seppure in moduli prefabbricati, il punto di primo intervento mentre, “in accordo con il primario Sopranzi e sentiti i pazienti ed i familiari, chi usufruisce del servizio di dialisi sarà, temporaneamente, dirottato, in base alla zona di residenza, o al centro dell’ospedale di Camerino oppure all’ospedale di Macerata, con orari compatibili alle singole esigenze”, ha spiegato il sindaco. Anche gli ambulatori resteranno attivi a Tolentino in appositi spazi allestiti nel parcheggio del nosocomio, compatibilmente con i lavori di ricostruzione.

error: Contenuto protetto !!