Osimo, bando di sostegno alle attività economiche in epoca covid

Presentare domande dal 14 al 30 ottobre

La giunta Pugnaloni ha istituito un fondo comunale di 230mila euro per fornire un contributo economico alle attività commerciali, artigianali, turistiche, dei servizi alla persona con sede a Osimo e che hanno subito un calo del 30% del fatturato nel primo semestre 2021 rispetto allo stesso periodo del 2019.

I fondi saranno distribuiti tramite bando pubblico che sarà aperto dal 14 al 30 ottobre. Sono escluse dai contributi le attività che meno hanno subito le conseguenze del lockdown, come supermercati, farmacie, tabaccherie, edicole, aree di servizi, negozi di animali, ottiche, fotografi, prodotti per la casa e apparecchiature hi-tech, ferramenta, lavanderie, distributori automatici e di carburanti, compro oro e chi propone attività di slot machine e videolottery.
“Non è un bando come quello dell’anno scorso, parigrado per tutti. – afferma il sindaco Pugnaloni – C’è sì, ancora, una parte minimale uguale per tutti i richiedenti ma il resto del contributo verrà fornito in base a tre aspetti preminenti che forniranno un incremento ognuno del 30%, anche da sommare uno con l’altro: se il richiedente è una start-up sorta negli ultimi 5 anni, se è il titolare è donna o detiene almeno il 60% delle quote e se dall’1 gennaio 2021 si è assunto personale. Tutti i beneficiari, se ammissibili, avranno un contributo minimo da 500 a 1.000 euro in base alle domande pervenute rispetto al fondo disponibile, più 150 euro per ognuna delle tre peculiarità (start-up, imprenditorialità femminile, neo assunti), fino ad un contributo massimo compreso di queste maggiorazioni di 1.450 euro”.

Questo percorso l’amministrazione comunale lo ha condiviso con le categorie produttive, i sindacati e tutti i componenti della consulta attività produttive che hanno fornito un contributo per elaborare la proposta di bando, in particolare sulla parte relativa ai neoassunti. Per quanto invece riguarda le premialità per start-up e imprenditoria femminile vanno ringraziate per la proposta rispettivamente le consigliere comunali Frida Paolella ed Eliana Flamini. Inoltre ringrazio l’assessore alle attività produttive Michela Glorio che ha lavorato in prima persona per questo importante progetto con il quale l’amministrazione vuole sostenere le attività del proprio territorio dopo un anno e mezzo così complicato.

L’obiettivo per il futuro, sfruttando la filosofia di OsimoLab, è quello di dare un seguito ai sostegni per le start-up, in termini soprattutto di sedi fisiche nelle quali sviluppare un concetto di rete tra imprese e corsi di formazione e aggiornamento, che possano scaturire anche in attività didattiche da sviluppare con le scuole del territorio.

NOTIZIE DALLA PROVINCIA

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi