Osimana, senti Dell’Aquila: “Ora stiamo bene, non fermiamoci”

PROMOZIONE A – L’attaccante giallorosso autore di una doppietta nell’ultimo match col Mondolfo: “Fisicamente eravamo a terra, l’arrivo del preparatore Magnaterra ha cambiato tutto in meglio”

di Michele Raffa

La cura Leonardi funziona e come in casa Osimana. Due vittorie consecutive sono un vero e proprio toccasana per un’assoluta corazzata partita con l’obbligo di vincere. Inutile girarci attorno, la squadra di patron Campanelli vanta nomi illustri del panorama calcistico regionale e vederla, fino a poche settimane fa, rilegata in zona play out, non era il massimo. Tra questi figura Manuel Dell’Aquila, uno che ha impiegato diverse partite per togliere la ruggine e ritrovare quel bellissimo feeling avuto con Mongiello ai tempi del Tolentino e nel 3-5-2 di mister Leonardi il tandem offensivo funziona divinamente. “Con Carlo ci troviamo a memoria ormai – spiega l’attaccante giallorosso reduce dalla doppietta personale firmata anche dal suo compagno di reparto – Purtroppo all’inizio i gol, così come i risultati, non arrivavano e i malumori prendevano il sopravvento. La causa di tutto ciò non va data a mister Ciattaglia, anche perché ultimamente avevamo iniziato a fare vedere buone cose, ma a una preparazione non effettuata nel migliore dei modi. Arrivavamo a un certo punto della gara che finivamo la benzina. L’arrivo di Leonardi ha dato una scossa all’ambiente, ma fondamentale è stato l’ingresso nello staff tecnico di Jonatan Magnaterra. Uno dei migliori preparatori atletici e massofisioterapisti che abbia mai conosciuto. Con lui praticamente abbiamo iniziato d’accapo e le ultime prestazioni sono il frutto del suo lavoro. Ora stiamo davvero bene”. 

Le quattro sberle rifilate sia all’Olimpia Marzocca che al Mondolfo, hanno ridato vigore all’intero ambiente giallorosso che ora guarda con ottimismo a una classifica cortissima (la vetta dista solo 4 punti) con ben nove squadre davanti che gareggiano per non fuggir via. Questo a significare che la vera favorita è ancora nelle retrovie? “Il valore di ognuno di noi è fuori discussione. Siamo mancati a livello fisco, ma ognuno di noi era consapevole che prima o poi saremmo riusciti a uscire fuori dal tunnel. Alcuni dall’esterno mi davano già per bollito, Davanti rallentano e per noi è un bene, ma ora dobbiamo essere bravi noi a non fermarci“.

Altro handicap che l’Osimana ormai si porta dietro è l’indisponibilità del Diana. Entro una quindicina di giorni i lavori di restyling dello storico impianto sportivo cittadino dovrebbero essere ultimati, ma si sa, tra il dire e il fare c’è di mezzo la burocrazia. Dell’Aquila e compagni finora hanno praticamente giocato sempre fuori casa e lo faranno ancora una volta sabato quando riceveranno il Villa San Martino sul neutro del Dell’Immacolata di Montefano. Un campo del tutto nuovo per loro e la rinnovata formazione pesarese non è affatto un cliente facile da affrontare.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS