Omicidio Civitanova, ragazzo al microfono: “Basta a questa propaganda, non strumentalizzate la morte di Alika”

Tanti gli esponenti politici e sindacati presenti

di Maikol Di Stefano

Esponenti politici e dei sindacati regionali, tutti riuniti nel ricordo di Alika Ogorchukwu. Il ritrovo, nella serata di ieri, in piazza XX settembre a Civitanova Marche. C’è chi ha letto una poesia e chi, microfono in mano ha colpito senza distinzione di schieramento i partiti di destra e di sinistra. Una serata di commozione, ma anche e soprattutto nel segno della presa di coscienza per quanto avvenuto venerdì scorso a Civitanova. Almeno trecento le persone che si sono riunite.

C’erano gli esponenti del PD come il deputato Mario Morgoni, i segretari provinciali di Macerata e Fermo, Angelo Sciapichetti e Luca Piermartiri. Presente anche il segretario regionale dell’Anpi, Lorenzo Marconi. Oltre ai volti noti della città come l’ex sindaco Tommaso Corvatta e il suo vice Giulio Silenzi. Insieme a tutto loro anche Daniel Taddei della CGIL.

Tutti uniti in un coro unico contro il razzismo e la morte di Alika. A rubare la scena è pero un giovane ragazzo, Pier, ospite non atteso che ha preso il microfono dicendo la propria: “Basta questa propaganda, siamo qui affinché non venga strumentalizzata la morte di Alika. Sia dai partiti di centrodestra, come da quelli di centrosinistra; come in segretario del PD, Enrico Letta, che non sapendo ancora quando ci saranno i funerali, ha già sentito il bisogno di annunciarne la sua presenza”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia