Omicidio Civitanova, Corvatta: “Violenza che scorre come un fiume nell’apatia dei cittadini”

L’intervista durante la fiaccolata in ricordo di Alika

di Maikol Di Stefano e Giada Berdini

Durante la fiaccolata di ieri in ricordo di Alika Ogorchukwu il nostro collaboratore Maikol Di Stefano sul posto ha incontrato e intervistato l’ex sindaco Tommaso Corvatta.

“Mi ha colpito l’apparente indifferenza dell’ambiente attorno all’omicidio che si stava perpetuando”. Ha tuonato Corvatta. “Poi vederlo filmato è come vedere l’“anatomia” di quell’omicidio. E non è stato un evento isolato, è stata la punta dell’iceberg di una violenza che scorre come un fiume dall’inizio dell’estate qui a Civitianova”.

L’ex sindaco si riferisce agli episodi di violenza, vandalismi, risse che spesso si registrano in tutta la città riviaresca: “La sera stessa che è successo questo, – continua Corvatta – c’è stato un altro fatto e da quella sera ad oggi ne sono successi altri tre. Questo avviene in una sostanziale apatia della città, dà fastidio ed è contrario a quello che dovrebbe essere il sentimento della popolazione. Io sono qui perchè vorrei che questa città si scuotesse. Se qualcuno vede che c’è qualcosa che non va, chiamasse la polizia, i vicini, urlasse se è possibile ma non rimanesse indifferente.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia