Omicidio a Capodarco: arrestato il marito di Giuseppina Traini

Oggi (1 marzo) l’autopsia sul corpo della donna

La Squadra Mobile fermana nella giornata di ieri (28 febbraio) ha dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Fermo, Giudice per le Indagini Preliminari, a seguito dei gravi fatti avvenuti sabato scorso a Capodarco, frazione di Fermo. A finire agli arresti è stato l’87enne Giovanni Petrini, il marito di Giuseppina Traini, la donna uccisa nella serata di sabato all’interno della sua abitazione.

Nella serata di sabato la Polizia di Stato, l’Ufficio Prevenzione Generale e soccorso pubblico, allertato da personale del 118, a Fermo, nella frazione di Capodarco, in un’abitazione in via Fontana dove, secondo la ricostruzione della Questura, vi era il cadavere di una donna, ed un uomo ferito. Sul posto erano presenti anche i figli della coppia che nella giornata avevano tentato di contattare più volte i genitori ma senza successo e, per tale motivo, si erano presentati direttamente a casa loro per accertare cosa fosse successo. Al loro ingresso nell’abitazione la tragica scoperta: la madre, Giuseppina Traini, senza vita con delle ferite all’addome e alla gola, ed il padre, Giovanni Petrini, ferito. Accanto a quest’ultimo, sul comodino, vi era un coltello intriso di sangue.

Gli investigatori della Squadra Mobile immediatamente intervenuti sul posto hanno sequestrato l’arma, un coltello di circa 30 cm, la Polizia Scientifica ha poi posto sotto sequestro l’immobile. Gli immediati accertamenti condotti hanno permesso di rilevare una difficile condizione familiare dovuta alle condizioni di salute della donna e la difficoltà dell’uomo, soprattutto negli ultimi tempi, a gestire la gravosa situazione di accudire la donna.

L’Autorità Giudiziaria ha emesso la misura cautelare degli arresti domiciliari a carico dell’uomo. Questa mattina è stata eseguita l’autopsia sul corpo della donna all’obitorio dell’ospedale Murri di Fermo.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS