Offese, continue aggressioni e minacce di morte alla moglie: 50enne allontanato da casa

Applicato anche il braccialetto elettronico

Nella giornata del 22 novembre, i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona hanno dato esecuzione all’Ordinanza del GIP con la quale è stato disposto l’allontanamento dalla casa familiare a carico di un 50enne di origine tunisina, resosi responsabile dei reati di maltrattamenti contro la moglie. Il provvedimento inoltre prevede il divieto di avvicinamento alla consorte ad una distanza di almeno 400 metri e l’applicazione del braccialetto elettronico.

Da quanto appreso durante la fase investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, l’indagato, sin dal 2017, avrebbe continuamente maltrattato la moglie, con cui viveva ad Ancona, offendendola e umiliandola abitualmente, sottoponendola a continue vessazioni e aggressioni fisiche, spinte, lanci di oggetti contro di lei, prese al collo prolungate, costringendola così ad una convivenza intollerabile.

Per ogni futile motivo era solito adirarsi e sfogare la sua rabbia gettando e distruggendo oggetti in casa. Negli ultimi tempi l’uomo, oltre a negare alla moglie il denaro per l’acquisto della spesa alimentare, era arrivato addirittura a minacciarla anche di morte ogni qualvolta lei rappresentava la propria volontà di interrompere il loro rapporto.

All’esito dell’attività info-investigativa condotta da questa Squadra Mobile, il G.I.P. presso il Tribunale di Ancona, in accoglimento della richiesta avanzata dalla locale Procura della Repubblica, è stata disposta l’applicazione della misura cautelare che qualche giorno fa è stata applicata all’indagato dagli agenti della Questura dorica.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS