Nuovo ospedale di Macerata. Saltamartini: “Da lunedì si comincia, lettera da Ancona al Comune”

Importanti novità dal convegno da parte dell’assessore regionale. Un New Deal: dalla Sanità territoriale, dalle Case di Comunità ai Cot, dal Pronto Soccorso alla riorganizzazione gestionale dell’Asur

di Maurizio Verdenelli

Per il nuovo ospedale di Macerata ci sono le risorse (130/140 milioni secondo il progetto regionale). Lunedì porto le carte in Consiglio regionale. Intanto la Regione invierà una lettera per chiedere al Comune di Macerata che indichi l’area per la realizzazione del cantiere”.
E’ parola dell’assessore regionale alla Sanità, sen. Filippo Saltamartini al convegno alla Biblioteca comunale sulla Sanità maceratese organizzato dall’omonimo comitato (CSM) e Comune.

Per l’ospedale e la sanità pubblica si prospetta un New Deal. “L’ospedale del capoluogo ha eccellenze l’Oncologia per tutte, che attirano pazienti da tutt’Italia”. Riscuote un applauso convinto, Saltamartini, quando rivolgendosi alla consigliera regionale Anna Menghi; lancia la proposta tesa a re-inserire la cucina all’interno dell’ospedale stesso, concludendo l’esperienza degli appalti esterni.
Saltamartini parla poi delle ‘Case di Comunità’ a Materica, Tolentino, Recanati e Treia. E dei COT, Centri operativi territoriali. Degli Studi associati di Medicina generale in stretto contatto con l’ospedale. E del Pronto soccorso con tutti il suo carico: “C’è un clima spesso di conflittualità da parte dell’utenza che fa riflettere, l’eccellenza inizia dal primo step, è chiaro”.

Di molti servizi sono investite le cooperative. Dice l’assessore: “Sul mio tavolo ho tre lettere di dimissioni di altrettanti sanitari. Motivo? Pare che guadagnino meno di loro omologhi delle coop di servizio…“.
Ed occorre, conclude l’assessore regionale, una rivoluzione organizzativa per cui ciascuna Asur abbia autonomia finanziaria e decisionale di tipo regionale. Investimenti e tutto quel che consegue dipenderanno in base alle risorse in modo autonomo.
E a proposito d’investimenti, largo all’informatica! “Lo scorso anno un’ambulanza con malato a bordo da Ascoli Piceno ha raggiunto l’ospedale di San Benedetto. Per dar conto delle condizioni del trasportato ai medici, solo un cd”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana