Non presenta dichiarazione annuale IVA: imprenditore edile arrestato, confiscati depositi bancari e beni per 110.000 euro

Indagini della Guardia di Finanza

Su disposizione della Procura della Repubblica di Macerata, le Fiamme Gialle portorecanatesi hanno dato esecuzione ad un provvedimento di confisca per equivalente, per un importo di circa 110.000 euro, all’esito della sentenza emessa dal Tribunale di Macerata nei confronti di un imprenditore operante nel settore dell’edilizia, resosi responsabile del reato di omessa presentazione della dichiarazione annuale ai fini dell’I.V.A..

Nel caso in questione, l’attività discende da un accertamento compiuto dall’Agenzia delle Entrate di Macerata, la quale aveva accertato l’omessa presentazione della dichiarazione annuale ai fini dell’I.V.A., con conseguente evasione di imposta per un ammontare di circa 110.000 euro, pertanto superiore alla soglia prevista affinché si concretizzi il reato. Dopo lo svolgimento di tutte le fasi del processo, il Tribunale di Macerata ha emesso la sentenza nei confronti dell’imprenditore, dichiarandolo colpevole del reato di omessa presentazione della dichiarazione I.V.A., condannandolo alla pena di un anno e sei mesi di reclusione e 400 euro di multa, oltre al pagamento delle spese processuali.

Conseguentemente, sono stati delegati alla Tenenza di Porto Recanati tutti gli ulteriori accertamenti indispensabili per la ricostruzione della capacità patrimoniale e finanziaria del condannato, al termine dei quali, è stato possibile sottoporre a confisca 12.500 euro custoditi in depositi bancari e un immobile, per un valore di 97.000 euro, di proprietà dello stesso.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS