“No lezioni di politica dall’avv. Gaetani, sua nomina errore del sindaco”, l’ira di Pasquali

Il consigliere di San Benedetto del Tronto Umberto Pasquali

“L’argomento ha infiammato la riunione di maggioranza di martedì”

L’avv. Paolo Gaetani non ci deve dare lezioni su come dobbiamo gestire la politica, altrimenti si doveva candidare al posto del fratello Stefano”, così il consigliere della civica di maggioranza San Benedetto Viva Umberto Pasquali, il giorno dopo la rinuncia del legale a difendere il Comune al Tar nel contenzioso AreaMare (leggi qui).
Queste le parole di Gaetani non gradite da Pasquali: “A questo punto mi auguro che i politici, d’ora in poi, si occupino della questione valutandola nel merito e non nei formalismi, poiché sono in discussione decisioni che riguardano il futuro urbanistico della nostra città ed è su questo che i politici devono riferire a tutti i cittadini”.

Ancora Pasquali: “Quella dell’avv. Gaetani è stata una scelta dell’assessore all’Urbanistica Bruno Gabrielli avallata dal sindaco Antonio Spazzafumo. Una nomina legittima, in quanto spetta al primo cittadino, ma inopportuna poiché il legale è fratello del consigliere di maggioranza Stefano Gaetani. E questo ha messo in fibrillazione la maggioranza che ha prestato il fianco agli attacchi della minoranza”.

Insiste Pasquali: “Non metto in dubbio la professionalità dell’avv. Paolo Gaetani,  ma non doveva aspettare le critiche alla sua nomina e attendere tutti questi giorni prima di rinunciare all’incarico. Non avrebbe dovuto accettare subito, sapendo di essere fratello di un consigliere”.

Infine un messaggio per il sindaco: “Bisogna stare attenti quando si danno gli incarichi, perché si creano problemi dentro e fuori la maggioranza. Spero che lo sbaglio serva per imparare”.
La nomina dell’avv. Gaetani ha infiammato la riunione di maggioranza di martedì 19 aprile. Si è convenuto che in futuro sarà necessaria prudenza prima di conferire incarichi.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana